Ecco perché i batteri della bocca sono pericolosi per il cuore

Il tema della correlazione tra problemi gengivali e malattie del cuore o della circolazione è molto attuale e oggetto di attente ricerche da parte di numerosi studiosi. Una cattiva igiene orale può infatti incrementare fortemente il rischio di attacchi cardiaci, infezioni batteriche e infiammazioni della parte interna del cuore, note come endocarditi o anche di eventi aterosclerotici.

”Gli accumuli di grasso che intasano le arterie e scatenano infarti e ictus non sono dipesi solo da ciò che si mangia. C’è un nesso, infatti, tra le malattie della gengiva e le placche di aterosclerosi ed è legato ad alcuni batteri presenti nella bocca. E’ quanto emerge da uno studio realizzato dall’Università del Connecticut di Storrs e pubblicato sul Journal of lipid research che mette in evidenza ancora una volta quanto la salute della bocca sia importante per la salute generale.

Il test ha coinvolto alcuni pazienti ricoverati in ospedale. I Bacteroidetes, che colonizzano la bocca e l’intestino, di solito non causano danni. In determinate condizioni possono dare origine a malattie gengivali, ma anche in questo caso non invadono i vasi sanguigni. I lipidi che secernono, però, possono passare attraverso le pareti cellulari e andare a finire nel sangue. E’ in questo momento che contribuiscono a questo intasamento che indurisce e restringe le arterie, con una diminuzione del flusso di ossigeno che può portare a malattie come infarto o ictus. I ricercatori hanno potuto notare come la crescita dei lipidi non fosse dipesa dal grasso animale ma dai batteri della famiglia dei Bacteroidetes (li producono con alcune caratteristiche, tra cui un numero dispari di atomi di carbonio).

Il gruppo di ricerca ora progetta di effettuare un’analisi più dettagliata degli placche aterosclerotiche per scoprire esattamente dove si accumulano i lipidi dei Bacteroidetes. Già una ricerca dell’Università della Columbia aveva dimostrato un’associazione tra le malattie della gengiva e la progressione dell’arterosclerosi. In un saggio pubblicato nell’ottobre del 2013 su Jaha, il Giornale dell’American heart association, sono stati riassunti i tre anni di lavoro dei ricercatori su 5.000 esempi di placca presi dai denti di 420 pazienti. Dalla ricerca era emerso che i pazienti che avevano avuto un miglioramento della salute delle gengive, e che avevano una minor percentuale di batteri associati a malattie gengivali, avevano poi una più lenta progressione dello spessore intimo-mediale dell’arteria carotide.

“Circa 20 milioni di over 35 hanno disturbi che sono associabili alla parodontite e che richiederebbero un approfondimento diagnostico, ma pochi si rendono conto che si tratta di sintomi da non sottovalutare. Il 43% dei 20-34enni ha già avuto almeno una volta un segno di sofferenza gengivale che non dovrebbe essere sottovalutato. Oltre a impegnarsi nella prevenzione dei disturbi gengivali attraverso una corretta igiene orale, l’abbandono del fumo, controlli periodici e sedute professionali di igiene, è necessario che tutti sappiano di dover andare dal dentista se c’è un sanguinamento gengivale”.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie