Insetti a tavola: effetto disgusto, ma poi si digeriscono bene

Mangiare cavallette, grilli o scarafaggi, qualcosa che fa storcere il naso a molti, non invoglia, soprattutto negli Usa, in Canada e in Europa, nonostante due miliardi di persone li consumino. In Italia il Ministero della Salute con una circolare ha chiarito che nessun insetto è stato per il momento autorizzato a scopo alimentare, ma da uno studio guidato dalla Rutgers University emerge che il fattore disgusto nulla a che fare con la nutrizione, la digestione o l’evoluzione.

Infatti, gli insetti, la scelta di cibo per i nostri primi antenati primati, potrebbero ancora essere mangiati e digeriti da quasi tutti i primati di oggi, inclusi gli umani. La ricerca, pubblicata su Molecular Biology and Evolution, ribalta la credenza diffusa per molto tempo secondo la quale i mammiferi non producevano un enzima che potesse ‘scomporre’ gli esoscheletri degli insetti (che hanno la funzione di rivestimento e scheletro). “Per questo gli insetti erano considerati molto difficili da digerire” evidenzia Mareike Janiak, autrice principale dello studio.

“Sappiamo da ricerche su pipistrelli e topi, e ora dalla mia sui primati, che questo non è vero.”aggiunge. Esaminando i genomi di 34 primati, alla ricerca di copie di un gene chiamato CHIA, l’enzima dello stomaco che scompone la chitina, che fa parte del rivestimento esterno di un insetto, gli studiosi hanno scoperto che quasi tutti i primati viventi hanno ancora versioni funzionanti del gene necessario per produrre questo enzima. Mentre la maggior parte dei primati viventi ha una sola copia del gene, quelli primitivi ne avevano almeno tre. Se anche gli umani non avessero l’enzima necessario secondo la studiosa “l’esoscheletro diventa molto più facile da masticare e digerire una volta che l’insetto è stato cotto.” Oltre a questo, gli insetti ‘impattano’ meno sull’ambiente rispetto alla carne.

La Fao ha definito gli insetti come cibo del futuro e Addento da anni sperimenta in questo campo. Il risultato raggiunto è una linea di nuovi alimenti con un ingrediente alternativo: una farina di grilli, nutrizionalmente superiore e più sostenibile rispetto ad altri cibi. I grilli rappresentano infatti una fonte alternativa proteica di primaria importanza tanto da essere considerati una risorsa di altissimo potenziale: ad esempio, hanno un contenuto proteico pari al 69% sul peso secco (contro il 32% della bresaola), sono ricchi di vitamina B12 e di acidi grassi come Omega-3 e Omega-6.

Condividi questo articolo: 


Altre Notizie