Integratori di calcio e vitamina D? non servono a ridurre il rischio di fratture

La fragilità ossea colpisce una donna su 4 dopo i 40 anni e nel mondo causa 25mila fratture al giorno. Con uno stile di vita adeguato sin dall’età giovanile, però, si può arginare la malattia. Supplementi di calcio e vitamina D non servono a ridurre il rischio di fratture in adulti e anziani, quelle dell’anca e non solo. È quanto emerge dallo studio del Tianjin Hospital, in Cina, pubblicato sulla rivista Jama.

Lo studio è una metanalisi di 33 ricerche precedenti che hanno comparato l’uso di integratori (calcio, vitamina D o entrambi) con un placebo o nessun trattamento e l’insorgenza di nuove fratture e che hanno coinvolto nel complesso 51145 adulti over 50. I risultati dell’analisi hanno permesso di rilevare che i supplementi non sono risultati associati a un minor rischio di nuove fratture, indipendentemente dalla dose, dal sesso del paziente, dalla sua storia clinica, dall’assunzione di calcio nella dieta o dalle concentrazioni di vitamina D nel sangue.

Molte ricerche indicano che l’apporto di vitamina D, le cui fonti alimentari sono piuttosto limitate, è inadeguato specie nelle zone geografiche e nei periodi dell’anno meno soleggiati. L’adozione di uno stile alimentare vario ed equilibrato, soprattutto in persone fisicamente attive, è sufficiente a garantire alla popolazione generale sana tutti i nutrienti necessari; tuttavia sempre più dati indicano che occorre fare attenzione alla copertura delle necessità nutrizionali anche nei Paesi industrializzati, perché le necessità non sono uguali per tutti e quando il fabbisogno aumenta o lo stile di vita e la dieta non sono adeguati l’integrazione è una strada sicura e utile da percorrere”.

Infine, gli integratori possono servire solo a chi è ad alto rischio di deficit perché per esempio ha gravi sindromi da malassorbimento o si espone pochissimo alla luce solare; anche in questi casi peraltro non bisogna mancare di intervenire soprattutto con le modifiche di dieta e stile di vita.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie