Italiani dedicano tempo e denaro per la cura del corpo, niente per la mente

Gli italiani raramente pensano che anche il cervello fa parte del corpo e anzi è proprio il regista di ogni funzione. Secondo il sondaggio di Swg per Novartis, gli italiani dedicano tempo e denaro alla cura del proprio aspetto, ore passate in palestra, dall’estetista, dal parrucchiere, infatti, più del 60% degli intervistati va in palestra per tenersi in forma, mentre solo il 37% si dedica alla cura del cervello: il 24%, in maggioranza over 55, si allena con l’enigmistica e il sudoku e solamente l’8% visita musei e va a teatro.

L’indagine è stata promossa nell’ambito dell’iniziativa Brainzone, il progetto dedicato alla sensibilizzazione sull’importanza della cura del cervello e sulle patologie neurologiche, arrivato alla sua terza edizione. “Solamente metà del campione nell’ultima settimana ha letto libri o risolto quesiti di enigmistica e soprattutto nella fascia degli over 55: in misura maggiore si tratta di persone in età pensionabile, circa il 59%, o che non lavorano”, spiega Maura Porcino, Direttore di ricerca di Swg Italia.

Tuttavia, le funzioni cognitive e le capacità mentali hanno bisogno di essere preservate e possono essere aumentate grazie a un’alimentazione equilibrata e all’esercizio della mente. I risultati sono migliori se si inizia da giovani. Il cervello è l’organo che regola tutte le funzioni e i comportamenti del nostro corpo, eppure è quello meno conosciuto e salvaguardato: i risultati della ricerca evidenziano che gli italiani non conoscono il suo ruolo. La maggioranza non riconosce al cervello il ruolo di regista delle funzioni corporee, come ad esempio nella regolazione del battito cardiaco e della pressione sanguigna.

Per preservare le capacità cognitive, la maggioranza degli intervistati riconosce il ruolo del riposo e della lettura e solo il 43% indica l’alimentazione come un fattore che possa avere influenza. Ancora parziale (30%) la consapevolezza che le tecniche di rilassamento e l’allontanamento dagli schermi video come tv, smartphone e tablet possano essere utili.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie