Ansia, due milioni e mezzo gli italiani che ne soffrono

Sono due milioni e mezzo gli italiani che soffrono di disturbi d’ansia. Secondo il rapporto Osmed dell’Aifa nel 2015 per gli ansiolitici sono stati spesi ben 381,6 milioni di euro. Migliori prospettive per le cure si aprono dalla conoscenza delle origini di questi disturbi. Ad esempio, secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Psychiatry da Joseph LeDoux e Daniel Pine nel settembre 2016, paura e ansia dipendono da circuiti neuronali diversi: la teoria dei due sistemi consente un nuovo inquadramento dei sistemi neuronali implicati e apre a nuove prospettive terapeutiche.

L’argomento è al centro del congresso internazionale “Anxiety”, organizzato da Italian Psychoanalitic Dialogues (IPD) e Neuropsychoanalytic Association(NPSA), che si terrà a Roma il 10 e l’11 febbraio. Tra gli altri, vi prenderanno parte Joseph LeDoux, neuroscienziato di fama mondiale, docente del Center for Neural Science della New York University, Mark Solms, neuroscienziato e docente di Neuropsychoanalysis alla Cape Town University e Stefano Bolognini, psicoanalista e past President dell’International Psychoanalitical Association (IPA). Il Congresso si occuperà di come ansia, fobie, angoscia, paura, attacchi di panico possano emergere nell’interazione tra soggetto e ambiente, affrontando il trattamento delle varie forme di ansia e i diversi tipi di intervento, sia farmacologici che psicoterapeutici.

“La maggiore conoscenza delle origini dell’ansia e della paura all’interno delle funzioni corticali di pensiero, attenzione e memoria, consente il miglioramento dei trattamenti che potranno sempre di più adeguarsi alle caratteristiche della specifica disfunzione dei circuiti neuronali di un particolare individuo. Attraverso i biomarkers di brain imaging sarà possibile identificare sempre più precisamente il disturbo, evitando farmaci che creano ottundimento”, afferma LeDoux.

Secondo Stefano Bolognini “l’ansia, e poi l’angoscia che ne è l’ulteriore involuzione quantitativa, sono il risultato di una opposizione del soggetto a sentire e vivere i propri sentimenti; i quali ‘premono’ ai confini dell’Io, e generano il vissuto dell’ansia, che si configura come un stato di tensione spiacevole aspecifica”

Imparare a gestire e superare l’ ansia e lo stress – Comunemente quanto si parla di ansia, sia in ambito accademico, sia in contesti di vita quotidiana, essa viene sempre collegata a qualcosa di negativo e dannoso per le nostre vite. In realtà l’ansia non ha solo una connotazione negativa, ma al contrario, grazie ad essa possiamo beneficiare di molte risorse, che in molti casi ci salvano la vita o ci permettono di far fronte all’ostacolo con forza e preparazione. Stiamo parlando di quell’ ansia che possiamo definire ansia positiva.

Il processo dell’ansia, insieme ai suoi campanelli d’allarme, che si attivano quando la nostra cognizione percepisce un pericolo, ci consente di reagire di fronte a un pericolo imminente (attaccando o fuggendo), con la finalità di sopravvivere. Come sappiamo bene, ognuno di noi reagisce a situazioni stressanti in modo differente, infatti numerosi esperimenti, dimostrano che due soggetti sottoposti al medesimo stimolo ansiogeno o di altro tipo, hanno e possono avere reazioni completamente opposte, proprio perché ognuno percepisce e affronta le situazioni in base alle sue risorse e alla sua interpretazione cognitiva.

Quotidianamente, se osserviamo bene, i nostri comportamenti e quelli delle persone intorno a noi, possiamo notare tali dinamiche. Ritornando all’essenza dell’ ansia positiva, se andiamo a osservarla dall’interno, essa stimola alcune funzioni, portando il cervello a diventare iperattivo, aumenta il flusso sanguigno, attiva i riflessi, la visione oculare, per far fronte in modo ottimale alla situazione d’affrontare. L’ ansia quindi, ha una funzione di sopravvivenza, o come preferiamo concettualizzarla noi: ci salva la vita.

Un’altra funzione positiva dell’ ansia è relativa ad esempio quanto ci prepariamo ad affrontare una prova, una sfida, un esame universitario o una competizione sportiva. L’ ansia che proviamo ci spinge a studiare per bene il contenuto didattico, ad allenarci con tenacia, a prepararci al meglio. L’ansia quindi diventa un prerequisito motivatore della nostra preparazione che si consente di vincere!

Condividi questo articolo: 


Altre Notizie