La dieta non funziona? tutta colpa di un enzima: ecco perchè

E’ colpa di un enzima se durante una dieta non si raggiungono subito i risultati sperati perchè il metabolismo rallenta, si bruciano meno calorie e si dimagrisce a ritmi progressivamente più bassi. La causa è l’enzima ‘TBK1′ che riducendo la spesa energetica dell’organismo  rallenta il metabolismo (riducendo le calorie bruciate e favorendo l’accumulo di grasso). E’ quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Cell.

Disattivando questo enzima in topi obesi questi dimagriscono meglio e più in fretta. La ricerca è stata condotta da Alan Saltiel dell’Università di San Diego. Il metabolismo è più lento negli individui obesi e tende a rallentare quando ci si mette a dieta; ciò significa che il corpo tende a bruciare meno calorie quando si mangia di meno. Gli esperti Usa hanno visto che a queste condizioni corrisponde l’attivazione dell’enzima TBK1 che fa da interruttore a una serie di altre molecole che regolano il metabolismo e la quantità di grasso bruciata o accumulata.
Gli esperti hanno visto che disattivando TBK1 il metabolismo delle cellule adipose (di grasso) di topi obesi aumenta, e i roditori dimagriscono più in fretta.

In uno studio precedente, Saltiel e colleghi hanno riferito che quando la TBK1 è indotta in topi obesi ha causato un calo del dispendio energetico o della riduzione delle calorie bruciate. Dare ai topi obesi l’amlexanox li ha fatti perdere peso, mentre la loro sensibilità all’insulina aumentava, migliorando il loro diabete e la malattia del fegato grasso.

Il documento attuale rivela perché l’amlexanox potrebbe essere stato efficace.“Può darsi che, se modifichiamo questa via, aumenteremo di nuovo il metabolismo per migliorare il dispendio energetico”, ha affermato Saltiel. “Penso che probabilmente dovrai ancora fare entrambe le cose: ridurre l’assunzione di energia attraverso la dieta e aumentare il dispendio energetico bloccando questa riduzione compensativa delle calorie bruciate. Sappiamo che le diete da sole non funzionano e questo è il motivo”.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie