Medici rispondono online su cure e malattie

E’ online Dottoremaeveroche, il nuovo sito della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, all’indirizzo www.dottoremaeveroche.it. Il sito si propone di essere una sorta di ‘argine’ alle fake news, dando un contributo di certezza basato sulle evidenze scientifiche.

“Le ‘bufale’ o ‘fake news’, quando incidono sulla salute rischiano di trasformarsi in vere e proprie azioni criminose, colpevolmente sostenute o meno da interessi economici, o soltanto dalla scellerata supponenza dell’ignorante – spiega Cosimo Nume, responsabile Area Strategica Comunicazione Fnomceo -. Da questa premessa è partito il nostro lavoro con il prezioso apporto di esperti comunicatori e di un board scientifico di altissimo spessore, oltre ad un team tecnico di comunicazione”.

Dai vaccini alle terapie anticancro ai fiori di Bach – Nella sezione anti-fake news, le schede curate dagli esperti dei vari settori illustrano l’utilità dei principali farmaci, come la differenza tra i generici e i loro corrispettivi “di marca”. Il sito dà spiegazioni sulla necessità degli esami diagnostici (“Ho mal di schiena, devo fare subito una risonanza?”), e offre una guida per orientarsi tra le cure naturali e alternative, dagli integratori (“È vero che la vitamina D previene le fratture?”) alla pranoterapia passando per i fiori di Bach e pratiche divenute “alla moda” come quella di mangiare la placenta.

Chi ha dubbi potrà verificare ad esempio se la profilassi antinfluenzale può provocare l’influenza, o se è vero che i vaccini contengono metalli pesanti, così come approfondire l’assenza di correlazione scientifica tra i vaccini e l’insorgere dell’autismo. Ci sono poi schede che ricordano i consigli della nonna, spaziando dagli stili di vita (“Non bisogna fare il bagno dopo mangiato?”) alle regole per una corretta alimentazione (“Mangiare cioccolato fa bene?”, “La dieta Dukan è salutare?”). Fino a quesiti come: “L’aloe vera cura il cancro?” e viceversa: “Microonde, cellulari o wifi possono causarlo?”. Tutte domande che i medici italiani si sentono porre ogni giorno dai pazienti che, magari, si sono informati prima su siti poco affidabili, o hanno letto distrattamente un titolo di giornale.

Un argine contro il virus delle bufale – Un lavoro nato dalla consapevolezza che, benché l’Oms consideri la correttezza e completezza dell’informazione una delle strategie chiave per promuovere la salute, “spesso ai pazienti arriva una comunicazione che disorienta. E vincono le fake news, che si diffondono come le malattie: in maniera virale”, conclude Simona Dainotto, presidente della European association on consumer information (Eaci).

“C’è la consapevolezza – continua Alessandro Conte, coordinatore del Gruppo di lavoro Fnomceo per il sito – che concentrare tutti i nostri sforzi e risorse a contrastare le fake news o bufale corrisponderebbe al tentativo di svuotare un lago usando dei secchielli: molta fatica, un illusorio abbassamento del livello nei mesi d’estate più secchi ed altrettanta frustrazione alla successiva stagione delle piogge. Bene, dunque, che i medici elaborino strategie comunicative nuove con il supporto degli esperti di settore, bene che le istituzioni sostengano quanti già impegnati a garantire un’informazione sanitaria trasparente ed accessibile, ma nell’agenda politica i lavori della diga vanno cominciati adesso, rilanciando il senso critico e l’autonomia decisionale degli adulti di domani, con integrazioni efficaci e credibili ai percorsi formativi”.

“Il medico deve attenersi, nell’esercizio della sua professione ma anche nel suo ruolo sociale, alle migliori evidenze scientifiche disponibili – conclude Filippo Anelli, presidente Fnomceo – . Deve farlo per Legge, come chiaramente ribadito dagli ultimi provvedimenti approvati dal Parlamento. Deve farlo per dovere deontologico; deve farlo per senso etico, non solo nei confronti dei pazienti ma dell’intera società. Quando come Ordine, come rappresentanti della professione, parliamo in pubblico, organizziamo convegni, campagne di informazione, corsi di aggiornamento, dobbiamo sempre tenere presente che noi siamo l’ente che noi siamo l’ente posto dalla legge a garantire la qualità della professione medica e la tutela del diritto alla salute. E la salute si tutela anche con la diffusione di un’informazione trasparente e veritiera”.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie