Burian 2, a fine marzo in arrivo la seconda “Bomba di neve”

Il 20 marzo arriva Burian Bis: l’alta  pressione estesa nel senso di meridiani favorirà nuovamente l’arrivo di aria gelida e nuove nevicate.”Quello che ci propone il modello internazionale americano GFS – spiegano gli esperti del sito ‘ilMeteo.it’ – è a dir poco allarmante.

Dopo il Burian di fine febbraio, ecco che ancora aria gelida dalla Russia si potrebbe riversare sull’Italia dal 20 marzo, giorno dell’equinozio di primavera”. Accompagnata da fronti perturbati, avvertono, “il Burian marzolino porterebbe ancora una volta la neve in pianura sulle regioni.

Questo vento gelido che molti chiamano “Burian” in realtà si chiama “Buran” e ha origine dal settore russo-siberiano, ad est degli Urali nei pressi del bassopiano sarmatico siberiano: si tratta di un vento forte da NE o E-NE che soffia in Siberia ed è accompagnato da freddo intenso che dà origine a vere e proprie tempeste di neve.

Nuova allerta meteo. Dalla neve alla pioggia, dal freddo siberiano al rialzo termico. Una nuova allerta meteo, valida oggi e domani, è stata diramata dalla Protezione civile: allerta di colore giallo per le piogge residue e lo scioglimento della neve. Nei settori orientali della regione, in particolare in Romagna, sono previste ulteriori precipitazioni piovose dal pomeriggio di oggi fino alla nottata: attesi rovesci fino a 25 mm sulla fascia costiera, altrove le piogge saranno sporadiche, nell’ordine dei
5 mm.

Fiocchi di neve solo oltre i 1000 metri. Continua l’allerta gialla per criticità idraulica nei bacini romagnoli ed emiliani orientali delle province di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna e Bologna (zone A, B e D) con le piogge che potranno determinare un innalzamento dei livelli idrometrici degli affluenti di destra del Reno; allerta gialla per rischio frane nelle province di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna, Bologna, Modena, Reggio Emilia e Parma (aree A, B, C ed E).

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie