Caffè: arriva l’etichetta che informa sul ‘rischio cancro’

Il caffè “Nuoce gravemente alla salute”, come le sigarette e il tabacco: questo avviso dovrà essere impresso sulle tazze di caffè. In California il caffè, dovrà avere l’etichetta che informa sul ‘rischio cancro’. Lo ha stabilito un giudice dopo una causa contro Starbucks e altre società, accusate di aver violato la legge dello stato che obbliga di avvertire a mettere in guardia i consumatori sulla presenza di sostanze chimiche nei prodotti che possono causare il cancro. Nel caso del caffè, durante la torrefazione ad alte temperature viene prodotta una sostanza chiamata acrilammide, la quale fa parte della lista di quelle considerate cancerogene.

È una decisione che arriva dopo una sentenza che ha dato ragione ad una associazione no profit americana. Si tratta del Council for Education and Research on Toxics che da molto tempo sostiene che i tutti consumatori debbano essere avvertiti della potenziale cancerogenicità del caffè. Secondo l’associazione no profit a rendere potenzialmente nociva la bevanda è la presenza di acrilammide. Come è noto la sostanza non è contenuta nel caffè, ma che ha origine nel processo di tostatura dei chicchi. Ricerche sui topi hanno dimostrato che si tratta di una sostanza che provoca lo sviluppo di alcuni tumori.

Ma non è affatto chiaro se, e in quali quantità, la medesima sostanza possa nuocere anche all’uomo. Al momento gli effetti cancerogeni dell’acrilammide sull’uomo sono tutti da dimostrare. Anche se il sito web del National Cancer Institute (Nci) americano che pubblica la relazione del National Toxicology Program sugli agenti cancerogeni ritiene che «l’acrilammide sia ragionevolmente considerabile cancerogeno per l’uomo».

Nel dubbio e in attesa di eventuali altre certezze l’associazione ha chiesto e ottenuto che i bevitori di caffè siano messi in guardia su quello che bevono. La sentenza arriva tra mille polemiche e con l’opposizione dei rivenditori di caffè che sostengono che, al contrario il caffè, faccia parte di una corretta dieta. Visti i  numerosi benefici per la salute derivanti da un suo corretto consumo, confermati dalla scienza medica. Allo stesso modo, i rivenditori di caffè sostengono che l’acrilammide, di fatto, si sprigiona ogni qualvolta si verifichi un processo ad alte temperature.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie