Dieta: pane e pasta non possono assolutamente mancare

Una corretta alimentazione è il segreto per stare in forma e per tutelare la salute. Non possono assolutamente mancare i carboidrati, questi si trovano in pasta, pane e derivati. Per questi alimenti è preferibile utilizzare il formato integrale perché più salutare e ricco di fibre, essenziale per aiutare anche il nostro intestino a stare in forma.

Non devono mancare le vitamine perché creano energia e favoriscono il rinnovamento cellulare. Le stesse si trovano soprattutto in frutta e verdura, da preferire crude e non cotte perché le vitamine hanno una bassa resistenza alla cottura. Ben noti sono anche i vantaggi della vitamina C che rinforza il sistema immunitario, utilissima soprattutto nella stagione invernale per combattere gli stati influenzali. Frutta e verdure sono essenziali non solo per la presenza di vitamine, ma anche per i sali minerali come ad esempio il potassio presente in tutta la frutta di colore arancione e nelle banane. Il potassio è importante perché aiuta la sintesi delle proteine, regola il battito cardiaco e riduce la ritenzione idrica, che costituisce la maggiore causa anche della cellulite.

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi, pubblicato su Annals of Internal Medicine, ha evidenziato che chi sceglie una alimentazione priva di pane e pasta rischia di ammalarsi più facilmente di tumore o di avere problemi cardiaci. Dalla ricerca è emerso che la percentuale di decessi fra le persone che consumano pochi carboidrati, preferendo proteine animali, sale del 12%: chi abbandona la pasta per la carne, in particolare, ha il 14% di possibilità in più di morire di infarto e il 28% in più di ammalarsi di tumore.

Un’alimentazione equilibrata prevede che la maggior parte delle calorie venga introdotta sotto forma di carboidrati. I carboidrati semplici vengono assorbiti rapidamente dall’organismo e forniscono energia subito disponibile, ma che si esaurisce in fretta: sono l’ideale quando si ha bisogno di un po’ di energia, ma è bene limitare il loro consumo. Sono i carboidrati complessi a costituire il vero e proprio combustibile del nostro organismo, poiché vengono assorbiti più lentamente e forniscono energia in modo graduale.

Quando i carboidrati della dieta vengono ridotti eccessivamente, l’organismo deve fabbricarsi da sé il glucosio, indispensabile per le sue funzioni, utilizzando come substrati proteine e grassi. Se il substrato utilizzato prevede l’utilizzo degli amminoacidi delle proteine, nel tempo si avrà una riduzione della massa magra (muscolo e liquidi) che è una componente fondamentale dell’organismo, ed è proprio quella parte del nostro corpo che consuma le calorie!

Nel caso in cui il substrato utilizzato per la produzione di zuccheri sia il grasso, la liberazione di una quantità eccessiva e forzata di acidi grassi provocherà, nel lungo periodo, una condizione patologica chiamata acidosi, uno squilibrio pericoloso per la salute.

Si alla pasta anche e cena? Spesso le “diete fai da te” consigliano come primo step di eliminare o ridurre il consumo di pasta e pane, pensando erroneamente che i carboidrati siano i principali responsabili dell’aumento di peso. Invece questi nutrienti, se consumati delle giuste quantità e con un occhio alla qualità, sono indispensabili per mantenere un buono stato di salute e di forma fisica.

Pasta e pane non devono mai mancare anche quando le calorie introdotte si riducono per ottenere un dimagrimento: ogni pasto, colazione, pranzo e cena, infatti, deve includere almeno una porzione fonte di carboidrati complessi.
Ecco un esempio della presenza quotidiana di carboidrati in una dieta corretta:

Colazione: fette biscottate o cornflaks o pane
Pranzo: pasta o pane o patate o legumi
Cena: pasta o pane o patate o legumi

Gran mito da sfatare quello secondo cui la pasta faccia ingrassare. L’importante è scegliere i nutrienti che assumiamo in base alla qualità e alla quantità: dobbiamo fare in modo che i nostri fabbisogni nutrizionali vengano soddisfatti. Prestate attenzione soprattutto ai condimenti, scegliendo quelli contenenti meno grassi, poiché sono proprio questi ultimi ad apportare molte calorie!

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie