Earth hour: WWF, sabato 24 l’ola di buio fara’ il giro del mondo

Sabato 24 marzo alle 20:30 ora locale, gli skylines di tutto il mondo si vestiranno di buio per un’ora e milioni di persone celebreranno l’Earth Hour, evento mondiale del WWF che quest’anno vuole puntare sulla consapevolezza per un’azione in difesa della natura e dell’ambiente, messi a dura prova dal surriscaldamento globale.

Dalla Torre Eiffel alla Sydney Opera House, dallo stadio Bird’s Nest di Pechino al Burj Khalifa di Dubai. In Italia coinvolti decine di monumenti e piazze tra cui il Colosseo a Roma, Piazza San Marco a Venezia, il Castello Sforzesco e UniCredit Tower a Milano, la Mole Antonelliana a Torino, Palazzo Vecchio a Firenze, la Basilica di San Francesco ad Assisi, il Maschio Angioino e Castel dell’Ovo a Napoli, il Santuario di Santa Rosalia a Palermo, il Palazzo Civico a Cagliari.

Donatella Bianchi, Presidente del WWF Italia, ha dichiarato: “L’evento Earth Hour è nato per connettere tra loro città, comunità, aziende, singole persone, in nome del grande obiettivo di salvare il clima e salvare il Pianeta, riscoprendo la bellezza e l’efficacia di tanti gesti insieme. Un evento globale che unisce i territori e che, proprio per questo, ha sempre più dimostrato e rafforzato nel corso degli anni la sua attualità.

“Quest’anno, il nostro invito è quello di riconnetterci non solo tra noi umani, – spiega Bianchi – ,ma anche con il Pianeta, con la Natura, con l’interdipendenza che esiste tra i diversi problemi. In particolare abbiamo sottolineato, con un ponderoso rapporto, l’effetto distruttivo che il cambiamento climatico potrebbe avere sulla biodiversità e quindi la necessità assoluta di fermare e azzerare le emissioni di carbonio e degli altri gas serra per limitare al massimo l’aumento della temperatura globale (1.5°C) e salvaguardare la vita di tutte le specie viventi, inclusa la nostra. Al contempo, vogliamo evidenziare come la funzionalità dei sistemi naturali sia un argine contro gli effetti del riscaldamento globale ormai in atto e inevitabile. Riconnettiamoci tutti al nostro essere profondamente dipendenti dal buon funzionamento della natura per la nostra vita, il nostro benessere, la nostra salute: solo così acquisteremo anche coscienza del grande potere che abbiamo di cambiare strada e influire sul futuro”.

Dalle 20.30 davanti al Colosseo prenderà anche il via alla “Pedalata per il Clima”, una manifestazione gratuita a cui hanno già aderito oltre 1.000 cittadini. Il corteo di bici si snoderà lungo le vie storiche della Capitale e raggiungerà alle 21.30 la Basilica di San Pietro, anche questa spenta per l’Ora della Terra, dove si assisterà alla sua riaccensione. A Roma si spegneranno anche diversi palazzi istituzionali: Quirinale, Camera, Senato, Corte Costituzionale, Presidenza del Consiglio.

Pedalate per il clima anche a Padova, Torino, Vicenza, da Ostiglia a Revere di Borgo Mantovano, Bologna, Rovigo, Forlì, Livorno, Terracina, Chieti, Pescara, Teramo, Lanciano, Napoli, Brindisi, Lecce, Potenza, Catania, Alghero, grazie alla collaborazione con Fiab (Federazione Italiana Amanti della Bicicletta).

Quest’anno, spiega Donatella Bianchi, presidente del Wwf Italia, “il nostro invito è quello di riconnetterci non solo tra noi umani, ma anche con il Pianeta, con la Natura, con l’interdipendenza che esiste tra i diversi problemi. In particolare abbiamo sottolineato l’effetto distruttivo che il cambiamento climatico potrebbe avere sulla biodiversità e quindi la necessità assoluta di fermare e azzerare le emissioni di carbonio e degli altri gas serra per limitare al massimo l’aumento della temperatura globale e salvaguardare la vita di tutte le specie viventi, inclusa la nostra”.

Tra gli appuntamenti dell’Ora della Terra, a Noto è previsto il Girotondo più Grande d’Italia; a Reggio Calabria una serata di musica, arte, gastronomia e scienza, con visita al planetario; a Caserta la “maratona radiofonica” su Radio prima Rete; a Palermo escursione sul Monte Pellegrino fino al santuario di Santa Rosalia; a Pescara la pulizia della spiaggia nell’area protetta dove nidifica il fratino; a Reggio Emilia distribuzione di semi di campo e compost.

A Milano Earth Hour si collega con i temi della biodiversità minacciata dal cambiamento climatico, con una serata dedicata ai pipistrelli; a Venezia Nordic Walking per le vie del centro; a Verona musica e balli in piazza; a Torino si balla il tango al lume di candela.

Partecipano, come ogni anno, le Oasi. Tra gli appuntamenti in programma, la visita guidata al buio alla scoperta della natura inaspettata della Riserva Ripa Bianca di Jesi nelle Marche; nelle Oasi Wwf della Maremma si comincia alle 17 con escursione all’Oasi di Orbetello per poi cenare a lume di candela presso il Casale Giannella e, alle 21.30, osservare le stelle con la guida di un esperto. Cene a lume di candela e di caminetto anche nell’Oasi di Monte Arcosu, in provincia di Cagliari e in Piemonte nell’Oasi di Valmanera (Cuneo) in Villa Paolina.

E nel resto del mondo? In Grecia è stata organizzata una maratona subacquea per sottolineare la connessione tra i cambiamenti climatici e la biodiversità marina e le persone; in Kenya, i bambini delle scuole piantano 500.000 alberi per aiutare a ridurre la deforestazione; a Hong Kong e nel Regno Unito protagonista la mobilità sostenibile; in Cina e Singapore iniziative dedicate a uno stile di vita senza plastica.

Earth Hour ha ricevuto la Medaglia del Presidente dalla Repubblica, il patrocinio della Presidenza del Senato della Repubblica, della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Anci, che sta collaborando attivamente al successo dell’iniziativa con l’adesione di oltre 200 comuni. Per l’Italia main partner è Sofidel.

Tanti gli altri partner che aderiscono con spegnimenti e iniziative di sensibilizzazione: Italiaonline, Auchan Retail Italia, Bolton Alimentari, Eurojersey, Mutti, UniCredit, Unilever Italia, Wind Tre, Alce Nero, AXA Italia, Carlsberg Italia, DHL Supply Chain Italy, Electrolux Professional, Google Italia, NaturaSì, NH Hotel Group, P&G Italia e Rinascente. Nel 2017 l’Ora della Terra ha coinvolto 7000 città e oltre 184 Paesi e regioni del mondo, centinaia di milioni di persone. L’hashtag #EarthHour ha registrato oltre 3 miliardi di azioni social.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie