In GB vietate le bevande energetiche ai minori di 16 anni

Vietata in gran parte del Regno Unito la vendita degli energy drink ai minori di 16 anni dai principali supermercati del Paese. Il provvedimento mira a tutelare i più giovani dall’abuso di zuccheri e caffeina contenuti nelle bibite, che potrebbero avere conseguenze su salute e comportamento.

In Inghilterra il divieto è in vigore dal 1° marzo mentre in altri paesi, come la Lettonia e la Lituania, la vendita di bevande energetiche ai giovani di età inferiore ai 18 anni è vietata dalla legge. Secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), il 68% dei giovani europei beve energy drink. Secondo l’Efsa, è stato dimostrato che gli adolescenti assumono quantità pericolosamente elevate di caffeina: un consumatore su quattro consuma tre o più lattine al giorno, superando anche la dose massima raccomandata di caffeina di 200 milligrammi per gli adulti.

La restrizione varrà per tutti quei drink contenenti più di 150 milligrammi di caffeina per litro. Si tratta di una risposta alle preoccupazioni di medici e autorità di fronte al “consumo crescente”, talora indiscriminato, di questo tipo di bevande, assunte da chi fa sport, ma non solo, come ha riconosciuto in una nota una delle aziende coinvolte. Preoccipazioni tanto più forti, poiché fra i consumatori abituali o saltuari si contano da qualche tempo anche ragazzi e persino bambini.

Gli energy drink sono bevande generalmente analcoliche, energizzanti, contenenti principalmente caffeina, presente in quantità variabili tra gli 80 e i 200 mg, la quantità contenuta in una tazzina di caffè è equivalente a 80-85 mg. Altri ingredienti sono: taurina, guaranà, ginseng, erba mate, ginko biloba, creatina, carnitina, glucuronolactone, zuccheri, antiossidanti, vitamine. Vengono spesso proposte e commercializzate come miglioratori delle performances anche sportive, con aumento dell’energia fisica e come miglioratori delle performance cognitive.

Tuttavia, si differenziano dai cosiddetti “sports drinks”, anch’esse bevande analcoliche addizionate con aromi, vitamine, sali minerali, ma prive di stimolanti2. Le bevande energizzanti vengono utilizzate anche per ridurre il peso corporeo: molte persone in sovrappeso, in modo particolare le donne, consumano in modo inappropriato grandi quantità di bevande energetiche, con lo scopo di ridurre o controllare il peso grazie al forte effetto termogenico di tali sostanze.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie