Lezioni di caccia e di armi nelle scuole: Wwf, No grazie!

Il WWF Italia sostiene la petizione promossa da change.org per chiedere al Ministro della Pubblica Istruzione e alle istituzioni regionali competenti di non autorizzare  più né promuovere  in alcun modo “lezioni  di caccia e di armi” nelle scuole, in particolare nelle primarie dove i piccoli studenti possono essere facilmente  impressionabili e condizionabili.

Nei giorni scorsi alcuni giornali locali hanno riportato la notizia che in alcune scuole elementari del bresciano sarebbero stati organizzati incontri con il personale di un’ associazione di armieri su argomenti venatori. Fermo restando che la caccia, se esercitata rispettando le regole, è un’attività legale, il WWF ritiene del tutto inopportuno e fuori da qualsiasi canone educativo portare nelle scuole attività che riguardano la caccia che, ricordiamo, viene esercitata con armi da fuoco con l’obiettivo di uccidere animali selvatici e porta con sé inevitabilmente la “cultura “ dell’uso delle armi.

Normale’ appare anche per la Regione Veneto e la Provincia di Treviso che hanno patrocinato un”iniziativa simile titolata: “Giovani a caccia di esperienze”. Un genere di esperienza che lascerei comunque sempre e solo a persone maggiorenni, che hanno già raggiunto quella maturità che consenta loro di non confondere un fucile vero con quello dei videogame.

Sconcertanti  le dichiarazioni  di un sindaco della zona che avrebbe affermato: ”Per noi avere a che fare con un fucile è normale”. Il WWF invita tutti a firmare la petizione rivolta al Ministero della Pubblica istruzione su change.org

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie