Mercalli, i vigneti salgono in montagna per effetto dei cambiamenti climatici

Il cambiamento climatico spinge la vite in quota, ad altitudini impensabili fino a qualche decennio fa, e sulla rotta Nord. E’ possibile stimare per la viticoltura mondiale un aumento di quota di circa 800 metri e di 650 km di latitudine verso Nord. In molte regioni montuose è già iniziata la “corsa verso l’alto” dei vigneti.

Sono queste le previsioni fatte dal presidente della Società Meteorologica italiana Luca Mercalli, intervenuto oggi al convegno Vigneti sostenibili per climi insostenibili organizzato a Roma dall’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari.

“La temperatura globale – ha spiegato Mercalli – è aumentata di circa un grado nell’ultimo secolo e di 1,5°C in Europa occidentale e nel Mediterraneo: è come se un vigneto trovasse oggi le stesse condizioni di cent’anni fa 250 metri più in alto e 200 km più a nord. L’aumento delle temperature entro la fine del secolo potrebbe arrivare fino a 5 °C in più, in caso di fallimento delle misure di riduzione delle emissioni di gas serra previste dall’Accordo di Parigi. Con questo scenario l’aumento di quota e lo spostamento di latitudine per i vigneti sarà inevitabile”.

Un grido d’allarme che preoccupa i viticoltori italiani alla luce delle basse rese in vigna: lo scorso anno forte il calo produttivo registrato in Italia pari al 20% in meno rispetto al 2016. Tuttavia, per una primissima previsione sulla vendemmia 2018, “la prudenza è d’obbligo”, ha detto la coordinatrice Vino dell’Alleanza delle cooperative Agroalimentari Ruenza Santandrea, “ma fortunatamente a partire dalla fine di febbraio si sono registrate condizioni meteorologiche più consone a un normale ciclo di sviluppo della vite. Auspichiamo una vendemmia di quantità superiore allo scorso anno, ma inferiore in ogni caso al raccolto 2016 per effetto di una parziale riduzione della fertilità media indotta dal colpo di calore subito in estate”.

Secondo la Coldiretti non solo il vino italiano è aumentato di un grado ma il surriscaldamento ha determinato un anticipo della vendemmia anche di un mese rispetto al tradizionale mese di settembre, smentendo quindi il proverbio “ad agosto riempi la cucina e a settembre la cantina”, ma anche quanto scritto in molti testi scolastici che andrebbero ora rivisti. Il caldo ha cambiato anche la distribuzione sul territorio dei vigneti che tendono ad espandersi verso l’alto con la presenza della vite a quasi 1200 metri di altezza come nel comune di Morgex e di La Salle, in provincia di Aosta, dove dai vitigni piu’ alti d’Europa si producono le uve per il Blanc de Morgex et de La Salle Dop.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie