Vongole veraci contaminate con un batterio pericoloso, il Ministero della Salute lancia l’allarme

Per le vongole veraci (Tapes semidecussatus) è stata appena diramata un’allerta dal Ministero della Salute perchè potrebbero contenere il pericoloso batterio Escherichia Coli “oltre i limiti di legge”. L’allerta riguarda  due lotti L570 18-03-2018 e L570 19-03-2018 con marchio Ittica Luciani S.r.l. con sede dello stabilimento Porto Garibaldi (FE) via Dei Poderi n 2/8 e riguarda le confezioni in retina da 1 kg.

L’allerta riguarda non solo la Grande distribuzione ma pescherie e mercati. Quello che è certo è che il ritiro (presumibilmente) è stato già avviato in tutta Italia, misura a tutela della salute dei consumatori. L’azienda ha tenuto precisare: “La ditta Ittica Luciani ha già attivato tutte le misure idonee a fronteggiare la situazione e riunirà anche l’Unità di Crisi per adottare gli interventi specifici imposti dalla problematica. Tuttavia si riserva fin da ora il diritto di agire in tutte le sedi opportune, al fine di tutelare nel modo migliore il buon nome della ditta, considerato che il controcampione ufficiale analizzato, è conforme ai limiti previsti dalla normativa vigente.”

I molluschi bivalvi costituiscono in tutto il mondo, Italia compresa, una delle principali risorse alimentari. La capacità dei molluschi di filtrare elevati volumi di acqua rende tali organismi in grado di accumulare microrganismi potenzialmente patogeni per l’uomo. Questa abilità costituisce motivo di notevole preoccupazione soprattutto quando i molluschi sono ingeriti crudi o poco cotti.

L’attuale normativa italiana prevede la ricerca di tossine algali, coliformi, Escherichia coli, Salmonella spp. e metalli. Tuttavia,un’enorme quantità di feci provenienti dall’uomo e dagli animali, contenente anche protozoi parassiti di interesse zoonosico, viene riversata, attraverso reflui zootecnici e urbani o tramite le acque di dilavamento, nei fiumi. Questi, confluendo verso le acque costiere possono contaminare il mare e quindi i molluschi bivalvi.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie