La polizia francese trascina giù da un treno una donna incinta e la sua famiglia

Una squadra della polizia transalpina che trascina fuori da un treno una migrante incinta, prendendola per braccia e gambe dopo un energico controllo tra grida e proteste. La donna, scrive il sito Nice-Matin, viaggiava con la sua famiglia su un convoglio proveniente da Ventimiglia ed  è stata costretta a scendere a Mentone. Le immagini hanno fatto il giro del web e suscitato l’indignazione degli utenti dei social.

La stazione in cui la famiglia è stata bloccata è a un solo chilometro dalla frontiera italiana e i fatti sarebbero accaduti il 18 gennaio scorso, su un convoglio diretto verso l’interno della Francia: secondo i tre giovani, Gaspard Flamand, Ulysse Goldman e Philémon Stines, la famiglia della donna era l’unica di colore sul treno ed è stata l’unica ad essere controllata.

La notizia dell’episodio arriva dopo quelli della guida alpina francese denunciata  per avere aiutato una donna incinta sul passo del Monginevro e dopo i fatti di Bardonecchia della settimana scorsa, con i doganieri francesi che hanno fatto irruzione in una sala della stazione piemontese concessa ad una Onlus proprio per l’assistenza ai migranti.  Il video, girato a febbraio, era stato poi inviato all’Osservatorio nazionale sulle violenze della polizia. Il 27 marzo è finito su internet, scatenando polemiche e indignazione.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie