Sclerosi multipla, una tossina prodotta dalle pecore potrebbe essere la causa

7

Dietro alla sclerosi multipla, o SM, potrebbe anche esserci una tossina causata dall’esposizione ad una specifica tossina prodotta dalle pecore, chiamata “Tossina Epsilon”. La scoperta è stata fatta dai ricercatori  dell’Università di Exetere va ad aggiungersi al sempre più crescente corpo di evidenze che vedono proprio in questa tossina batterica un potenziale innesco per la malattia degenerativa, fonte di disabilità neurologica, che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

I ricercatori hanno preso in esame 250 persone: metà soffriva di sclerosi multipla e l’altra metà era sana. I risultati degli esami hanno evidenziato che il 43% dei portatori della malattia avevano all’interno del loro corpo la tossina Epsilon, mentre il 16% dei partecipanti sani avevano sviluppato degli anticorpi contro questa tossina.

Sebbene si ritenga che la sclerosi multipla si sviluppi in individui geneticamente suscettibili e dalla combinazione di uno o più fattori ambientali, le reali cause e il fattore scatenante ambientale sono tuttora sconosciute: questa scoperta potrebbe dunque portare a una svolta nella ricerca di una possibile cura o strategia preventiva, ha spiegato il professor Rick Titball.

“Noi forniamo la prova che supporta la capacità della tossina Epsilon di causare la permeabilità BBB, dimostrando che la tossina Epsilon uccide la mielina del cervello che produce cellule e oligodendrociti: le stesse cellule che muoiono con le lesioni della SM – hanno spiegato i ricercatori durante la presentazione della ricerca – Mostriamo anche che la tossina Epsilon colpisce le altre cellule associate con l’infiammazione SM come le cellule vascolari della retina e le cellule meningee. La tossina Epsilon può dunque essere responsabile dell’innesco della SM”. “Ora sono necessarie ulteriori ricerche per capire come la tossina potrebbe svolgere un ruolo nella SM e come questi risultati potrebbero essere utilizzati per sviluppare nuovi test o trattamenti”.