Acque reflue, Corte di giustizia Ue: maxi multa all’Italia

La Corte di giustizia Ue ha imposto all’Italia una multa da 25 milioni di euro, più 30milioni per ogni semestre di ritardo nella messa a norma dioltre 100 centri urbani o aree sprovvisti di reti fognarie o sistemi di trattamento delle acque reflue. L’Italia era già stata condannata dalla Corte nel 2012 e deferita per la seconda volta dalla Commissione europea per una procedura di infrazione cominciata nel 2004.

Nella sentenza la Corte ha dunque constatato che alla data limite dell’11 febbraio 2016, l’Italia non aveva preso tutte le misure necessarie per l’esecuzione della sentenza del 2012 al fine di rispettare gli obblighi che le incombono in forza della direttiva. Secondo la Corte, l’inadempimento dell’Italia, oltre ad esser durato quasi sei anni, è particolarmente grave per il fatto che l’assenza o l’insufficienza di sistemi di raccolta o di trattamento delle acque reflue urbane sono idonee ad arrecare pregiudizio all’ambiente.

La Corte rileva, in particolare, che il numero di agglomerati per i quali l’Italia non ha fornito, alla data dell’udienza, la prova dell’esistenza di sistemi di raccolta e di trattamento delle acque reflue urbane conformi alla direttiva (74 agglomerati) è significativo, sebbene tale numero sia stato ridotto rispetto a quanto constatato nella sentenza del 19 luglio 2012 (all’epoca, 109 agglomerati). Le multe. Inoltre, la Corte sottolinea che la messa in conformità dei sistemi di raccolta e di trattamento secondario delle acque reflue urbane di alcuni agglomerati con le disposizioni della direttiva avrebbe dovuto essere realizzata al più tardi il 31 dicembre 2000.

Date tali circostanze, la Corte considera appropriato condannare l’Italia a pagare, a favore del bilancio dell’Unione, una penalità di 30.112.500 per ciascun semestre di ritardo nell’attuazione delle misure necessarie per conformarsi alla sentenza del 2012, penalità che sarà dovuta a partire sino all’esecuzione integrale della sentenza del 2012. Tenuto conto, poi, della situazione concreta e delle violazioni in precedenza commesse dall’Italia in materia di raccolta e di trattamento delle acque reflue urbane, la Corte reputa adeguata la condanna dell’Italia a pagare, a favore del bilancio dell’Unione, una somma forfettaria di 25 milioni al fine di prevenire il futuro ripetersi di analoghe infrazioni al diritto dell’Unione. Reazioni politiche.

“Siamo stati facili profeti”, hanno dichiarato i Radicali Italiani “da anni diciamo che, prima o poi, sulla questione delle acque reflue il nostro Paese avrebbe pagato il conto della propria inottemperanza agli obblighi derivanti dalle direttive europee. Nei prossimi giorni – spiega in una nota Massimiliano Iervolino, membro della direzione diRadicali Italiani – depositeremo una denuncia alla Corte dei conti affinché i responsabili di questo danno erariale possano rispondere di persona così da evitare che tali somme vengano versate dagli ignari cittadini”.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie