“Festival Natura 2000 Day”, con la Lipu per la difesa della biodiversità

Conoscere la natura e imparare a proteggerla. E’ questa la finalità della tre giorni che dal 19 al 21 maggio vedrà la Lipu con i suoi volontari impegnati in visite guidate, lezioni magistrali, laboratori, spettacoli e tanto birdwatching, in cinque importanti siti della rete Natura 2000 (la rete europea che tutela la biodiversità) e che coincidono in gran parte con altrettante oasi e riserve gestite dall’Associazione: Riserva naturale Palude Brabbia (Varese), Oasi Castel di Guido(Roma), Oasi Casacalenda (Campobasso), Oasi Gravina di Laterza (Taranto) e Riserva naturale Saline di Priolo (Siracusa).

L’evento vuole sensibilizzare il pubblico, sulla conoscenza e fruizione dell’immenso patrimonio di biodiversità costituito da specie animali e vegetali nonché habitat tutelate dall’Unione europea con le direttive “Uccelli” e “Natura” . Parteciperanno 200 volontari dei Gruppi locali di conservazione (Glc), ossia i gruppi di volontari della Lipu che, nell’ambito del progetto Life “Net Pro Net”, sostenuto dal programma Life dell’Unione europea e della Fondazione Cariplo,  cooperano alla gestione e alla tutela di alcuni siti italiani della rete. Grazie al progetto, partito nel luglio 2016 e che terminerà a fine 2018, la Lipu ha attivato 18 Glc in tutta Italia che vigilano su 27 siti rete Natura 2000.

Alle scuole, specialmente lunedì 21 maggio, saranno dedicati molti eventi. Spazio anche agli eventi per adulti (come nel caso dell’Università popolare della Terza età a Castel di Guido); protagoniste ovunque saranno le visite guidate sui sentieri della biodiversità, le presentazioni dell’attività dei Glc alla popolazione, le serate divulgative con esperti biologi, i laboratori e le mostre fotografiche. “L’obiettivo prioritario del progetto Life, e in particolare del festival del 19-21 maggio – precisa Danilo Selvaggi, direttore generale della Lipu – è di coinvolgere le popolazioni che vivono in prossimità dei siti Natura 2000 e delle oasi e riserve, per creare o rafforzare i legami affettivi con la natura e aumentare la consapevolezza di quanto sia preziosa.

Solo così faremo il salto di qualità in termini di tutela e vera valorizzazione del nostro inestimabile patrimonio naturale”. Tra le altre iniziative da ricordare anche quelle presso il Lago d’Averno (sabato 19 maggio), a Pozzuoli (Napoli), sul birdwatching e il disegno naturalistico, e la Palude Bruschera (Varese), domenica 20 maggio.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie