Le cinque buone abitudini che allungano la vita di 12 anni

Se riuscite ad adottare uno stile di vita sano, non fumare, svolgere esercizio fisico regolare, mantenere il peso corporeo nella norma, non bere troppo e non fumare, la vostra vita potrebbe allungare di 14 anni se siete donne e di 12 anni se siete uomini. A sostenerlo uno studio della Harvard Chan School of Public Health su un campione di oltre 100mila uomini e donne e su un periodo di circa 30 anni.

La ricerca ha anche svelato che chi rispetta queste cinque sane abitudini, spiega la ricerca (concentrata sulla popolazione americana), ha l’82% di probabilità in meno di morire per patologie cardiovascolari e il 65% in meno di ammalarsi di cancro. Cosa fare, allora, per vivere più a lungo? Non fumare, mangiare in modo salutare, fare regolare esercizio fisico (che vuol dire almeno 30 minuti al giorno). E poi mantenere un peso non eccessivo (con un indice di massa corporea tra 18,5 e 24,9) e moderare il consumo di alcol (5-15 grammi al giorno per le donne e 5-30 grammi al dì per gli uomini). Non è certo la prima volta che queste buone abitudini sono associate al generale benessere della persona, ma questa ricerca fa una stima dell’impatto dei comportamenti virtuosi sulla longevità delle persone.

“Definire l’associazione tra stile di vita salutare e aspettativa di vita è importante – ha spiegato Frank B. Hu, presidente del Dipartimento di nutrizione presso la Harvard Chan School, fra gli autori dello studio – non solo per cambiare i comportamenti individuali ma anche per che i comunicatori e gli organi politici”.

Per i partecipanti allo studio che non hanno seguito nessuna delle abitudini indicate, i ricercatori hanno stimato un’aspettativa di vita all’età di 50 anni di 29 anni per le donne e di 25,5 anni per gli uomini. Per coloro che invece hanno adottato tutti e cinque i fattori a basso rischio, hanno indicato un’aspettativa di vita, all’età di 50 anni, di 43,1 anni per le donne e 37,6 anni per gli uomini. Le donne che mantenevano tutte e cinque le sane abitudini guadagnavano, in media, 14 anni di vita e gli uomini che lo facevano guadagnavano 12 anni rispetto a quelli che non mantenevano abitudini sane.

“Nonostante gli Stati Uniti siano il Paese più ricco del mondo, l’aspettativa di vita è ancora inferiore rispetto ad altri Stati”, affermano i ricercatori. Lo studio individua nel cattivo stile di vita una delle componenti più importanti di questa anomalia. “Tra il 1940 e il 2014, l’aspettativa di vita è salita da 63 a 79 anni. Tuttavia l’incremento sarebbe stato ancora maggiore senza la diffusione dell’obesità”, aggiungono. “È fondamentale – afferma Hu – mettere la prevenzione al primo posto. Perché, modificando dieta e stili di vita, ha il potere di ridurre enormemente malattie croniche, di aumentare l’aspettativa di vita e di limitare i costi sanitari”.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie