Mirtillo rosso, ecco perchè non serve per curare un’infezione urinaria

Il mirtillo rosso non serve per combattere le infezioni alle vie urinarie.  A gettare ombre su un rimedio naturale molto utilizzato è la nuova bozza di linee guida del Nice, il National Institute for Health and Care Eccellence britannico, come riferisce la ‘Bbc online’. Sebbene alcuni studi abbiano affermato che l”elisir di bacche’ potrebbe essere d’aiuto in questi casi, secondo il Nice, non ci sono abbastanza evidenze scientifiche per raccomandarlo. Piuttosto, i pazienti dovrebbero bere molta acqua o liquidi e assumere antidolorifici. E’ utile anche parlarne con il proprio medico che potrebbe prescrivere antibiotici, ma questi farmaci non sempre sono necessari, ammoniscono gli esperti.

Le infezioni del tratto urinario sono causate da batteri. A volte l’organismo può combattere una lieve infezione da solo, senza farmaci, ma quando necessario, dovrebbe essere prescritto dal medico un ciclo breve di antibiotici per ridurre il rischio di resistenza antimicrobica, afferma il Nice. Potrebbe essere appropriato ricorrere alla prescrizione se i sintomi non migliorano entro 48 ore o se peggiorano rapidamente o significativamente in qualsiasi momento.

“Riconosciamo che la maggior parte delle infezioni del tratto urinario – spiega Mark Baker, direttore del centro sulle Linee guida del Nice – richiederà un trattamento antibiotico, ma dobbiamo essere più smart nell’uso di questi medicinali. La nostra nuova linea guida aiuterà gli operatori sanitari a ottimizzare l’uso di antibiotici. Questo aiuterà a proteggere questi farmaci vitali e ad assicurare che nessuno sperimenti effetti collaterali di un trattamento di cui non ha bisogno”. Il 5 giugno verrà chiusa una consultazione sulla bozza di linee guida per l’Inghilterra.

Il mirtillo rosso potrebbe migliorare la situazione in caso di infezioni al tratto urinario poiché impedisce ai batteri di aderire alla parete della vescica ma solo se assunto in quantità elevatissime, ben diverse da quelle che solitamente si consumano. Meglio dunque non spendere dei capitali per qualcosa che non potrà mai avere l’effetto desiderato: il rimedio migliore per guarire naturalmente è bere della semplice acqua, capace di mantenere il corpo idratato e di espellere lentamente ii batteri dalla vescica.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie