Scoperta molecola che scioglie i grassi con il freddo

Il potere dell’esercizio fisico per aumentare il metabolismo, potrebbe derivare da una molecola di grasso con una fonte inaspettata. In un nuovo studio condotto da Kristin Stanford del Wexner Medical Center dell’Ohio State University, circa un lipide rilasciato dal grasso, o lipochina, prodotto dal grasso bruno che ha mostrato di impennarsi nel flusso sanguigno dopo l’ esercizio . Laurie Goodyear del Joslin Diabetes Center e dell’Harvard Medical School è stata l’autrice principale dello studio, che compare sulla rivista Cell Metabolism .

La lipochina in questione si chiama 12,13-diHome che è aumentata significativamente durante l’esercizio fisico, a differenza dei livelli di altre lipochine analizzate. “Abbiamo trovato molto sorprendente il fatto che questa stessa lipochina che aumentava con l’esercizio fisico, aumentava anche con il freddo”, dice Laurie Goodyear, docente di medicina alla Harvard Medical School. L’esperimento è stato condotto sia sugli uomini sia sui topi.

Nella nuova ricerca, due gruppi di studio sono stati sottoposti ad analisi del sangue per valutare i cambiamenti nei loro lipidi dopo periodi di esercizio di intensità moderata. Un gruppo ha pedalato per 40 minuti su di una cyclette; l’altro correva su un tapis roulant per 45 minuti. I 56 partecipanti allo studio hanno incluso persone di diverse età e livelli di attività.

I ricercatori hanno trovato un modello consistente di livelli crescenti di un lipochina chiamato 12, 13-diHOME post-esercizio. Quella molecola grassa era stata precedentemente collegata all’esposizione a temperature fredde. “Sappiamo che l’esercizio fisico è ottimo per il metabolismo, ma non ne comprendiamo appieno il motivo per cui questo avviene a livello cellulare. Lo studio dimostra che la combustione del grasso bruno e di questo lipide in particolare svolgono un ruolo importante”, ha detto la Stanford, professore di fisiologia e biologia cellulare alla statale dell’Ohio.

La maggior parte delle ricerche suggerisce che l’esercizio non aumenta la capacità del grasso bruno di assumere carburanti come carboidrati e grassi, né l’esercizio aumenta la capacità del grasso bruno di bruciare più calorie – e questo ha senso perché i carburanti sono necessari invece dall’esercizio di muscoli che stanno rapidamente bruciando calorie, ha detto la Goodyear.

“È affascinante come, piuttosto che bruciare calorie durante l’esercizio – che è ciò che accade con l’esposizione al freddo – il grasso bruno sta funzionando per segnalare al muscolo di assumere più acidi grassi da utilizzare quali combustibile”, ha detto. “Durante l’attività fisica, tutti i diversi tessuti metabolici, compresi i tessuti adiposi in modo sorprendente,” parlano “l’un l’altro, il che consente ai muscoli di usare energia, contrarsi ed esibirsi.”

Per confermare la connessione al grasso bruno, Stanford e le sue colleghe hanno condotto uno studio sui topi. Quando gli animali si esercitavano, avevano anche aumentato i livelli della lipochina nei loro flussi sanguigni. Ma dopo la rimozione chirurgica dei depositi di grasso bruno dai topi, non c’era evidenza di un aumento indotto dall’esercizio della molecola di grasso – una scoperta che suggerisce come il grasso bruno sia la fonte della lipochina, ha detto Stanford.

“Questo dimostra che queste lipochine possono essere regolate dall’esercizio e sottolinea un nuovo ruolo che il grasso bruno potrebbe svolgere nei benefici metabolici dell’esercizio”, ha detto la Stanford, aggiungendo che i risultati sono stati sorprendenti perché studi precedenti hanno dimostrato come l’esercizio porta ad un diminuzione dell’attività del grasso bruno.

Questi studi hanno scoperto che il grasso bruno consuma meno glucosio durante l’esercizio, il che ha senso perché probabilmente non ha bisogno di carburante durante lo sforzo, ha detto. In questa nuova ricerca, le molecole di grasso vengono rilasciate durante l’esercizio. La speranza della Stanford è che questo stabilisca un nuovo ruolo dell’esercizio fisico per migliorare la salute, ha detto.

Successivamente, lei vuole determinare il meccanismo circa la dinamica di questa lipochina. Un giorno, sperano i ricercatori, questo lavoro potrebbe portare allo sviluppo di nuovi farmaci per imitare gli effetti dell’esercizio fisico e migliorare la funzione muscolare, abbassare i livelli di lipidi nel sangue come i trigliceridi e bruciare più energia per aiutare a curare l’obesità e il diabete di tipo 2.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie