G7, Trump: Russia dovrebbe rientrare nel G8. Conte: ‘D’accordo con lui’

Il premier italiano, al vertice del G7 in Canada, condivide la richiesta del presidente americano. Nervi tesi anche su dazi e Iran dopo la guerra di parole tra Trump, Macron e Trudea.

“Alla Russia dovrebbe essere permesso di tornare nel G8”. E’ quanto chiede il presidente americano Trump, ancor prima del via del G7 in Canada, e che immediatamente ha fatto “surriscaldare” gli animi di alcuni leader, e in particolare a quello francese Emmanuel Macron.
Al fianco di Trump, invece, si schiera il premier italiano Giuseppe Conte che su Twitter condivide pienamente la richiesta del Presidente americano: “Sono d’accordo con il Presidente degli Stati Uniti”.

E in un secondo Tweet, poi, corregge la sua dichiarazione sulla possibilità dell’Italia a porre il veto sul rinnovo delle sanzioni Ue a Mosca: “Valuteremo le posizioni, dobbiamo ancora iniziare il G7. Siamo aperti al dialogo, ma questo non significa stravolgere un percorso definito, legato anche all’attuazione degli accordi di Minsk” l’ultima versione di Conte.

Il Presidente del Consiglio si è espresso anche su altri temi come quello sulla disciplina del regolamento di Dublino sui migranti, dichiarando che “l’Italia è totalmente insoddisfatta per le proposte attualmente discusse, il nostro Paese non può essere lasciato solo nella gestione dei flussi migratori”. Mentre sui dazi ha detto che il suo governo “sarà portatrice di una posizione moderata, cercheremo di capire le ragioni che portano ad assumere certe posizioni e ci comporteremo di conseguenza”.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie