Puntura di zanzara, rimedi naturali per attenuare il prurito

La puntura di zanzara può infettare con un virus che pare si stia diffondendo a macchia d’olio. Le punture di zanzare costituiscono una delle insidie più fastidiose della stagione estiva. Nel nostro Paese, le zanzare “comuni”, ghiotte di sangue umano, mordono lo strato più superficiale della pelle, arrecando un danno che, seppur effimero e fugace, si traduce in un irrefrenabile necessità di grattarsi.

Nella zona colpita, la pelle appare altamente pruriginosa perché la puntura di zanzara favorisce il rilascio di istamina, un potente mediatore chimico coinvolto in fenomeni allergici ed infiammatori. A sua volta, l’istamina incoraggia la dilatazione dei piccoli vasi ematici appena sottostanti la pelle: ne consegue un arrossamento evidente ed un caratteristico pomfo da puntura di zanzara.

Le punture di zanzara non devono essere sottovalutate: nei bambini piccoli e negli anziani, infatti, i morsi di questi piccoli insetti possono causare danni anche gravi, come lesioni cicatriziali, lieve sanguinamento causato da un grattamento eccessivo e, nei casi più estremi, reazione allergica.

I possibili rimedi contro le punture di zanzare comuni.

– Applicare del ghiaccio (avvolto su un panno morbido) direttamente sul pomfo creato dalla puntura di zanzara: in questo caso, l’effetto vasocostrittore del freddo viene sfruttato come rimedio anestetizzante e calmante
– Lavare e disinfettare accuratamente il pomfo indotto dal morso di zanzara è un buon rimedio per prevenire eventuali infezioni in caso di piccolo sanguinamento post-grattamento
– Esercitare una lieve pressione sul pomfo con la punta dell’unghia e circoscrivere la lesione con un anello sono antichi rimedi per mascherare temporaneamente il prurito indotto dalla puntura di zanzara
– Strofinare un pezzo di allume di rocca inumidito direttamente sul pomfo: anche questo è un antico rimedio, relativamente efficace, utilizzato per attenuare il pizzicore ed il prurito da punture di zanzare
-Applicare una crema a base di cloruro di alluminio è un valido rimedio contro le punture di zanzare comuni
– Applicare sulla lesione provocata dalla zanzara alcune gocce di soluzione composta 1 bicchiere d’acqua ed 1 cucchiaino da caffè di sale
– Rimuovere lo spray o la lozione insetto-repellente dalla cute prima di coricarsi per il riposo notturno
– Ricorrere alle pomate a base di corticosteroidi solo in caso di prurito implacabile e pomfo particolarmente esteso. Si raccomanda il parere del medico.

Rimedi naturali. Per attenuare il prurito e l’edema indotti da una puntura di zanzara, i rimedi naturali si rivelano particolarmente indicati. Più in particolare, si consigliano creme, unguenti, pomate od oli formulati con principi attivi estratti da queste piante:

Camomilla (Matricaria camomilla L.) proprietà antinfiammatorie, lenitive
Olio di mandorle dolci (Prunus dulcis o Prunus amygdalus) proprietà antipruriginose, lenitive e nutrienti
Creme a base di avena (Avena sativa)  proprietà disarrossanti ed antipruriginose
Canfora (Cinnamomum Camphora)  proprietà antipruriginose, analgesiche (blande) e lenitive
Olio di borragine (Borago officinalis)  proprietà lenitive, calmanti, antipruriginose

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie