Stress cronico, occhio alla vista la può danneggiare

Lo stress influisce sulla salute dei nostri occhi. Non vi è ombra di dubbio: è scientificamente provato come lo stress influisca negativamente sulla salute visiva, anche se in realtà ci sono anche altre cattive abitudini che portiamo avanti giorno per giorno che danneggiano la nostra visione. E’quanto emerge da una ricerca condotta da Bernhard Sabel, direttore dell’Istituto di Psicologia Medica presso l’Università tedesca di Magdeburg e pubblicata sulla rivista EPMA Journal.

Analizzando dati di numerosi studi e trial clinici, Sabel ha evidenziato che condizioni di stress cronico – visibili nell’organismo sulla base dei livelli di ormone dello stress in circolo, il cortisolo – possono contribuire a perdita di visione e ad aggravare malattie serie come il glaucoma e la degenerazione maculare senile.

“Esiste, insomma, l’influenza di una importante componente psicosomatica nella perdita della vista”, spiega. Alcuni dati addirittura suggeriscono che rimuovendo i fattori di stress la vista può in parte trarne benefici. Di certo, sottolinea Sabel, il nostro studio indica che adottare un approccio psicosomatico in oftalmologia potrebbe avere conseguenze positive sui pazienti nella pratica clinica.

Strategie di riduzione dello stress come la meditazione o di gestione delle condizioni di stress potrebbero essere adottate dai pazienti a beneficio della salute dei loro occhi, sostiene l’esperto. Sarebbe utile, conclude, allestire delle sperimentazioni cliniche per vedere se strategie di riduzione dello stress sono efficaci per rallentare il decorso di malattie progressive come glaucoma e maculopatia.

Ecco come lo stress influisce sulla salute dei nostri occhi

Chi è sottoposto ad un carico di lavoro pesante, professionisti, studenti, o anche persone in situazioni particolarmente stressanti della propria sono esposti, con maggiore facilità, ad una situazione che genera ansia. Tale situazione finisce per avere un riscontro sul proprio corpo e i sintomi dell’ansia si manifestano anche nella visione. Senso di tremore agli occhi, infiammazione, sensazione di oppressione e pesantezza oculare possono riscontrarsi facilmente in presenza di stress, anzi ne rappresentano il riflesso più comune.

Infiammazione oculare da stress – L’infiammazione oculare è associata, molto spesso, alla maculopatia sierosa, una patologia che si manifesta con un rigonfiamento benigno della macula (la parte centrale della retina che permette la corretta percezione dei dettagli, la distinzione dei colori, ecc…). Tale infiammazione rappresenta una risposta allo stress e solitamente va a colpire le persone nell’età compresa tra i 20-50 anni. In linea di massima, un adeguato riposo e un calo di stress sarebbero sufficienti per alleviare questo sintomo.

Visione offuscata – All’infiammazione solitamente si associa una visione offuscata, che in casi estremi di stress permanente può portare a conseguenze molto gravi come l’amaurosi, una riduzione transitoria dell’acuità visiva molto allarmante, anche se, appunto, destinata a svanire. Rispetto ad altre lesioni di origine oculare, che tendono ad essere permanenti, nel caso di una condizione con chiara origine neurologica o di una crisi ipertensiva, gli effetti sono temporanei e si verificano improvvisamente, ma possono, come chiarito, trovare in questo caso una completa risoluzione. In tutti questi casi è sempre consigliabile rivolgersi allo specialista, anche per escludere che possa trattarsi di un allarme che possa anticipare qualche altro tipo di problema.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie