Usa, epidemia da Cyclospora colpisce oltre 98 persone

Secondo quanto segnalato dalla FDA e il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Illinois negli Stati Uniti decine di persone sono state colpite da un’infezione parassitaria legata molto probabilmente al consumo di prodotti ortofrutticoli freschi. A dare l’allarme sono stati i centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

La maggior parte delle intossicazioni da Cyclospora cayetanensis, questo il nome dell’agente patogeno che avrebbe causato l’infezione, è stata individuata nell’ Illinois e Indiana. “Solitamente questo tipo di parassita si trova in frutta, verdura ed erbe aromatiche coltivate nelle regioni tropicali e subtropicali, ha dichiarato l’epidemiologo statunitense Barbara Herwaldt. Sinora è stato scoperto che i prodotti da 28 once di verdure fresche e pre-tagliate imbustate a marchio Del Monte, contengono tracce di questo parassita, perciò sono stati associati a quello che i funzionari chiamano “cluster di ciclosporia”. Le confezioni di verdure fresche e pre-tagliate imbustate, sono state vendute presso una varietà di rivenditori, tra cui Kwik Trip, Demond’s, Sentry, Country Market e Peapod e hanno una scadenza minima di conservazione del 17 giugno o precedente. Le confezioni di verdure miste contengono broccoli, cavolfiori, carote e aneto.

La buona notizia, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è che l’infezione è facilmente curabile con antibiotici prontamente disponibili. La maggior parte delle persone con un sistema immunitario sano e forte, possono riprendersi dall’intossicazione senza sottoporsi ad alcun trattamento. Le persone anziane e quelle con un sistema immunitario debole, invece, potrebbero subire conseguenze peggiori e guarire molto più lentamente.

Questa contaminazione viene causata dall’ingestione di cibo o acqua contenente il parassita unicellulare Cyclospora cayetanensis, troppo piccolo per essere rilevato ad occhio nudo. I sintomi che accompagnano il malessere includono diarrea acquosa, vomito e dolori muscolari e, solitamente, si manifestano entro alcuni giorni dal consumo del cibo contaminato. A titolo precauzionale, le autorità sanitarie americane hanno invitato le persone a prestare particolare attenzione alle misure igieniche suggerendo, per esempio, di lavare accuratamente le mani e i prodotti ortofrutticoli stessi prima di mangiarli. In ogni caso, il lavaggio o altri processi di pulizia potrebbero non essere sufficienti per eliminare il parassita dai prodotti freschi o altri alimenti crudi, mentre la cottura è di solito garanzia di igiene, secondo la FDA.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie