Yoga day, quest’anno è dedicato alla pace

Yoga day, sono cinque mila gli eventi con cui l’India celebra un avvenimento che colora le piazze principali. Ma non solo India. Aderiscono all’iniziativa più di 190 paesi tra cui Stati Uniti, Cina, Canada. E sono più di 200 milioni gli appassionati nel mondo, 36 milioni in America (quasi 2 milioni sono bambini), 3 milioni in Gran Bretagna e più di 2 milioni in Italia. Yoga per la pace” è il tema dell’edizione di quest’anno, che verrà celebrata anche in Italia con diverse iniziative.

Ma perché è stata scelta proprio questa data per celebrare una giornata dedicata allo yoga? Scientificamente il 21 giugno è il giorno del Solstizio d’Estate: è il giorno più lungo dell’anno nell’emisfero Nord, con il sole che sorge molto presto e che tramonta molto tardi, questa data riveste un grande significato per molte nazioni del mondo, dal Canada all’Iran, che in questa giornata celebrano una loro festività.

In India è un giorno estremamente importante: per la mitologia indiana il 21 giugno segna un evento che può essere considerato come la nascita della Scienza dello Yoga: infatti si crede che proprio il 21 giugno segni tradizionalmente il giorno in cui Shiva, che non è visto come un dio, bensì come Adi Yogi, il primo Yogi e Adi Guru, il primo Guru, iniziò a trasmettere la disciplina dello Yoga ai suoi fedeli allievi e discepoli. Inoltre dobbiamo considerare non solo l’importanza del sole nello Yoga (vedi tutte le pratiche basate sul Surya Namaskar), ma anche come il cambiamento della relazione del sole con il nostro pianeta abbia un impatto significativo per le nostre vite.

L’essere umano non può sfuggire a niente di quello che succede nel pianeta, perché egli stesso è solo un pezzetto di questo Universo, il suo sistema è molto sensitivo e ricettivo a questi influssi, in quanto quello che avviene nel cosmo si riflette nel suo corpo in maniera amplificata. Nella filosofia indiana il solstizio d’estate segna l’inizio del Dakshinayana, chiamato anche Sadhana Pada , cioè della pratica spirituale che ha come finalità la purificazione: qualsiasi pratica yogica iniziata in questo periodo, se perseguita in maniera corretta porterà ottimi frutti e ci condurrà alla realizzazione spirituale (Samadhi).

L’Assemblea Generale dell’Onu ha istituito la Giornata mondiale dello yoga con la risoluzione 69/131 l’11 dicembre del 2014. Sono stati 175 i paesi membri che hanno approvato il provvedimento e che ormai da quattro anni celebrano l’evento con numerose iniziative di sensibilizzazione. La proposta di una giornata mondiale dedicata a questa pratica è stata avanzata per la prima volta dal primo ministro indiano Narendra Modi che, nel suo discorso di apertura della 69esima sessione dell’Assemblea generale, sottolineò la capacità dello yoga di unire mente e corpo, pensiero e azione: un approccio olistico prezioso per salute e benessere. Lo yoga si adatta molto bene anche allo stile di vita caldeggiato dall’Organizzazione mondiale della sanità che, scrive sul suo portale, sostiene l’esercizio fisico “come una delle misure preventive primarie contro le malattie non trasmissibili come le patologie cardiache, il diabete e le patologie respiratorie, che stanno crescendo sempre di più”.

I benefici dello Yoga – Diversi studi scientifici confermano i molteplici benefici sulla salute della pratica dello yoga: dal miglioramento dell’elasticità muscolare e dell’equilibrio, alla rieducazione della colonna vertebrale fino al rafforzamento del sistema immunitario. L’integrazione tra mente e corpo, concetto alla base dello yoga, aiuterebbe a superare i blocchi emotivi. Secondo una ricerca pubblicata su “Frontiers in Immunology”, la meditazione e le posizioni praticate in questa disciplina farebbero abbassare l’ormone cortisolo, responsabile dell’induzione dello stress e di una serie di risposte infiammatorie dell’organismo. Un’altra ricerca del 2017 condotta su un gruppo di anziani con problemi cognitivi, ha rilevato anche i benefici sulle capacità mnemoniche, le funzioni verbali, visive, e sulle capacità esecutive dei partecipanti, che avevano seguito per 12 settimane classi di una tipologia di yoga detto “kundalini”.

Eventi in Italia – L’Italia conta circa un milione e mezzo di praticanti e 830 scuole riconosciute. La Giornata internazionale dello yoga vien celebrata con diverse iniziative. A Milano, l’evento principale andrà in scena presso l’Arena Civica “Gianni Brera”: musica indiana, canti della pace e pratica yoga a partire dalle 18:30. Anche a Roma il ritrovo è fissato per le 18:30 presso Piazza del Campidoglio, dove si terrà una sessione di yoga guidata da insegnanti qualificati. A seguire, un concerto vocale indiano. E nella Capitaleappuntamento anche con la meditaziona solare, in occasione del solstizio d’estate, nell’acropoli degli Scavi di Cuma. L’appuntamento è per domenica 24 giugno dalle ore 11 alle 17. Il biglietto di ingresso al sito consentirà anche di visitare l’Anfiteatro Flavio, del Castello di Baia-Museo archeologico dei Campi Flegrei e delle Terme romane.




Altre Notizie