Allarme Listeria in vitello tonnato “Il Ceppo”, pericolo per donne in gravidanza

Allarme Listeria in Vitello tonnato “Il Ceppo”. Il Ministero della salute ha diffuso l’avviso di richiamo di un lotto di carne per la presenza di Listeria monocytogenes. Il batterio in questione può contaminare diversi alimenti, tra cui latte, verdura, formaggi molli, carni poco cotte ed è responsabile della Listeriosi,

Listeria monocytogenes in 200 g. Questo il motivo che ha spinto il Ministero della salute a diffondere un avviso di richiamo di un lotto di Vitello tonnato “Il Ceppo”. Come si legge nel comunicato pubblicato sul sito del dicastero, il prodotto in questione è distribuito con il numero di lotto 181485005 e scadenza 08/07/2018.

Il vitello tonnato richiamato è stato prodotto da Il Ceppo SRL nello stabilimento di via Corso Palladio 196 città Vicenza (VI). La listeria monocytogenes è un batterio che può facilmente entrare a contatto con ortaggi e verdure, così come può infettare gli animali attraverso la sua ingestione. Gli alimenti a rischio contaminazione devono essere portati ad alte temperature alle quali il batterio non sopravvive.

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto medesimo lotto di appartenenza, di NON consumarlo! Nel caso il prodotto sia stato consumato da DONNE IN GRAVIDANZA si consiglia di consultare immediatamente un medico!”

Perché la listeriosi è particolarmente pericolosa per le donne incinta ed i loro bambini? Durante la gravidanza, il cambiamento ormonale causa un aumento della sensibilità del sistema immunitario della madre nei confronti del germe. Secondo fonti americane (CDC), la probabilità che una donna incinta sia affetta da Listeriosi è di circa 20 volte superiore a quella degli adulti in salute.

E’ stato calcolato che circa un terzo dei casi di listeriosi diagnosticati si verifichino durante la gravidanza. La listeriosi può essere trasmessa al feto attraverso la placenta anche se la madre non mostra nessun segno di malattia. L’infezione può causare aborto o comunque la nascita del bambino morto, parto prematuro o seri problemi di salute per i nuovi nascituri.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie