Centrifugati antistress di frutta e verdura, ecco cosa devi sapere

I centrifugati sono bevande che, per il loro apporto nutrizionale, rientrano anche nel gruppo degli alimenti. Si tratta di liquidi estratti per “centrifugazione” da cibi vegetali, cioè da frutta e ortaggi. Un’accortezza che bisognerebbe avere nella preparazione dei succhi e centrifugati è di miscelare sempre sia frutta che verdura, in modo da regolare ed equilibrare l’indice glicemico del succo.

Non tutti sanno che lo stress ha una forte influenza sull’apparato digestivo. Per digerire meglio e quindi per contrastare lo stress, occorre scegliere i giusti alimenti e saperli abbinare con attenzione. In questa guida vi forniremo tutte le indicazioni necessarie (ricette comprese) per preparare i migliori centrifugati antistress che ci sono in commercio. Le persone oggi sono stressate dalla vita quotidiana e dagli impegni giornalieri. Non potendo far nulla su di essi, regoliamo l’alimentazione.

Essere in uno stato di stress influenza la produzione dei succhi digestivi, nonché la motilità degli organi dell’apparato digerente, che ostacola l’assorbimento degli alimenti e la digestione. Con lo stress si possono spiegare quindi i piccoli disturbi legati ad una lenta e faticosa digestione, il gonfiore dopo i pasti e l’intestino ribelle. Quando siamo sotto stress, ad esempio, il nostro organismo consuma più velocemente sostanze come: vitamina Be C, magnesio e carboidrati.

Cosa fare quindi in questo caso? Dobbiamo recuperare mediante la dieta queste sostanze. Come? I centrifugati antistress sono la soluzione migliore, specialmente quelli preparati con sola frutta e verdura

Utilizzando la sola frutta, infatti, si ottengono delle bevande troppo zuccherine con un indice glicemico alto, dal momento che nel succo è presente solo una piccolissima quantità di fibre. Inserendo invece delle verdure come sedano, cetriolo, cavolo nero o spinaci, si otterrà un abbassamento dell’indice glicemico, grazie appunto alle fibre contenute nella verdura.

Diverso sarebbe il discorso per un semplice frullato (non un centrifugato e non un succo con estrattore). Nel frullato manteniamo anche tutta la fibra nel composto finale, in quanto non si ha la separazione di succo e carcassa (fibra). I frullati rimangono un’ottima soluzione alimentare, anche se rispetto ai succhi ottenuti con la centrifuga e con l’estrattore si perdono un pò i contenuti di vitamine ed enzimi a causa del maggior calore nella tazza di contenimento (causato dell’elevata velocità di rotazione delle lame rispetto ad altri strumenti).

Il segreto per non perdere troppe vitamine consiste nel frullare poco e nel “frullare a intermittenza”, interrompendo cioè dopo pochi secondi il macchinario e riaccendendolo dopo una breve pausa. In questo modo, si riduce sensibilmente il calore prodotto dalle lame del frullatore.

Per alcune persone i succhi di sola frutta appaiono troppo dolci e per tale motivo non vengono molto apprezzati. Come rimediare? Oltre ad aggiungere delle verdure, come appena detto, si può modulare il sapore dei succhi anche aggiungendo delle spezie.
Come esempio se ad un succo centrifugato di solo melone (prevalentemente zuccherino) aggiungiamo anche della mela verde e dello zenzero fresco (non quello in polvere, ma quello in radice), il risultato finale virerà verso tonalità aromatiche decisamente più interessanti e meno stucchevoli. Come tocco finale suggerisco di aggiungere anche un paio di foglioline di menta!

I benefici dei centrifugati di frutta e verdura

1. Disintossicano l’organismo (effetto Detox). I succhi di alcuni frutti o verdure, e in alcuni casi di piante, sono ottimi per disintossicare il nostro corpo. Niente come gli alimenti di origine naturale è infatti in grado di dare un po’ di respiro al nostro organismo. I succhi detossificano grazie a  vitamine, minerali ed enzimi, necessari per il fegato e per le sue funzioni.

2. Idratano e ossigenano tutti i tessuti: la quantità di acqua e ossigeno che apportano è davvero preziosa per l’organismo.

3. Favoriscono il transito intestinale: combattono stitichezza e malassorbimento.

4. Leniscono la mucosa gastrica e intestinale: sono ricchi di sostanze antinfiammatorie e lenitive

5. Rafforzano la flora batterica intestinale: fibre e vitamine aiutano l’intestino a mantenersi in equilibrio.

Infine, è importante considerare il fattore assimilazione: il cibo solido ha bisogno di molte ore per essere digerito prima che il suo nutrimento sia disponibile per i tessuti e le cellule del corpo, cosa che non accade con i succhi freschi. Questi arrivano direttamente allo stomaco sotto forma di acqua viva vitaminizzata e ricca di nutrienti a disposizione dell’organismo.

In sostanza i centrifugati di frutta e verdura sono il mezzo attraverso il quale possiamo rifornire tutte le cellule e i tessuti del corpo, degli elementi e degli enzimi nutrizionali di cui necessitano. Il tutto nella modalità in cui possono essere più digeribili e assimilabili. I succhi vanno bevuti subito, per evitare un processo di ossidazione che li farà deperire in poco tempo, riducendo le proprietà nutrizionali e i benefici di cui sopra.

I centrifugati di frutta e verdura sono come dei “costruttori” e rigeneratori del corpo, forniscono alle cellule la “materia viva” che le rigenera e fortifica. Se consumati freschi, contengono tutti gli amminoacidi, enzimi, sali, minerali e vitamine necessari al corpo umano.

Per aiutare l’organismo nell’ardua impresa di scacciare le tossine, si consiglia di ridurre le sostanze nervine (caffè, cioccolato fondente e tutti gli alimenti contenenti caffeina), i cibi ricchi di colesterolo, gli alimenti fast-food, le merendine preconfezionate e gli alcolici.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie