Dieta del finocchio: come perdere peso e sgonfiare la pancia velocemente

Per smaltire i chill accumulati e sentirsi subito meglio, nell’ultimo periodo sta spopolando la dieta del finocchio, ovvero un regime alimentare a base di questo ortaggio, che effettivamente è conosciuto per le sue qualità drenanti (favorisce la diuresi) e per la bassissima presenza di calorie (31/100gr), che ne fanno uno degli alimenti principe nella lotta al gonfiore e all’eccesso di peso.

La dieta del finocchio è una dieta che aiuta a perdere peso in maniera semplice e veloce. Il finocchio è un ortaggio dalle diverse proprietà: innanzi tutto possiede solo 9 calorie ogni 100 grammi e, quindi, è adatto a un regime dietetico ipocalorico, poi aiuta la digestione e riduce la fermentazione intestinale ed è ideale per sgonfiare la pancia, regolarizzare l’intestino e depurarsi.

Il finocchio è ricco di acqua e di sali minerali, soprattutto di potassio; grazie alla sua azione depurativa permette all’organismo di eliminare le scorie e le tossine e di bloccare i fenomeni di meteorismo, evitando anche il gonfiore postprandiale.

Già ampiamente utilizzato come contorno o come ingrediente di altri piatti, il finocchio deve la sua azione dimagrante proprio a questo: infatti associato a fragole e pesce sembra essere efficace per la dieta. Il pesce e le fragole son alimenti ricchi di iodio che stimolano la tiroide e accelerano il metabolismo.

Ecco allora qualche consiglio su come e quando consumarlo durante la giornata, per dare un aiuto in più al nostro organismo e sentirsi più leggeri. Inoltre è bene specificare che parlare di dieta del finocchio è eccessivo: le diete, si sa, possono essere assegnata solo da esperti professionisti in base al proprio peso ed alla natura del proprio metabolismo. Di seguito, ecco allora qualche dritta da integrare ad uno stile di vita sano ed attività fisica.

Colazione: prendete tutti i giorni caffè d’orzo o un bicchiere di latte scremato con 30 gr di cerali. Per gli spuntini che dovranno essere due o tre mangiate uno yogurt alla frutta oppure una tisana ai semi di finocchio per sgonfiare la pancia.Lunedì: a pranzo 150 gr di gnocchi di patate conditi con pomodoro fresco e basilico, 60 gr di bresaola e rucola a volontà, infine insalata di finocchio. Per cena invece un hamburger di manzo e una passata di finocchi e patate lesse, macedonia di kiwi, fragole e ananas al naturale.

Martedì: a pranzo 50 gr di spaghetti alle vongole, finocchi al vapore, 200 gr di altre verdure a piacere. Per cena invece 35 gr di riso allo zafferano, insalata di polipo condita con olio, limone e prezzemolo, sale e peperoncino, come frutta una pera.

Mercoledì: 50 gr di pasta ai finocchi e 30 gr di taleggio, 100 gr di pollo in umido e un kiwi. Per cena minestrone di verdure senza legumi, 120 gr di carne alla pizzaiola e insalata di finocchi.

Giovedì: per pranzo 50 gr di pasta al pomodoro fresco e basilico, funghi champignon tagliati sottili con finocchi e scagliette di grana, frutta un’arancia. Per cena,  passato di verdure, carote e patate, frittata al forno con un uovo e finocchi tagliati alla julienne, insalata di pomodori.

Venerdì: a pranzo 50gr di riso con zucchine e menta, cruditè di finocchi e asparagi lessi, mirtilli al naturale. Per cena passato di verdure, piselli e finocchi, spigola al cartoccio con cipolla e pomodorini, insalata di verdura mista.

Sabato: crema di cavolfiore e patate per pranzo, petto di pollo alla piastra, insalata di verdura mista con finocchi tagliati sottili. Per cena 50 gr di pasta al radicchio, finocchi saltati, una coppa di fragoline di bosco al succo d’arancia naturale, insalata di verdura mista.

Domenica: lasagne condite con tritato di manzo, finocchi sottili, pomodorini e una sottiletta (1 porzione), biete lesse, un frutto.
Per cena insalata di asparagi, finocchi gratinati al forno con pangrattato e grana, 150 gr di ricotta al forno.

Proprietà nutrizionali dei finocchi. I finocchi, oltre ad essere ricchi di vitamine e sali minerali, contengono molti priincipi attivi che li rendono particolarmente utili per: gotta, astenia, inappetenza, reumatismi, flatulenza, vomito, vista debole. Essendo ricco di flavonoidi o fitoestrogeni, sostanze estrogeniche naturali, il finocchio ha un effetto equilibrante sui livelli ormonali femminili, può favorire la regolarizzazione del ciclo mestruale, la secrezione lattea e prevenire il tumore al seno. Agisce sul fegato e sui sistemi di disintossicazione regolarizzando e migliorando la funzione epatica. Agisce sul sistema nervoso prevenendo e/o alleviando gli spasmi muscolari.

Il finocchio fresco ha le foglie carnose e tenere, di colore bianco con le venature non troppo visibili. Esiste però anche il finocchio selvatico: è detto anche finocchietto, o finocchio amaro, appartiene alla stessa famiglia del prezzemolo e della carota. Presenta dei fiori gialli e dei frutti aromatici (impropriamente chiamati semi) color verde-giallo che ricordano il sapore della liquirizia e si possono usare come condimento. Ha proprietà digestive, antisettiche e diuretiche. Riduce inoltre la formazione dei gas ed è utile nei casi di stitichezza e tensione addominale. Attenzione! Poiché svolge una blanda azione estrogena, il finocchio selvatico non deve essere consumato dalle donne alle quali è stata sconsigliata la pillola o che hanno problemi di coagulazione del sangue. È utile nei casi di vomito gravidico e allattamento, rende più appetitoso il latte materno per il bebè.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie