Dieta depurativa, ecco come eliminare le tossine dal nostro organismo

Una dieta depurativa è un regime alimentare particolare, volto ad esaltare l’eliminazione delle sostanze tossiche presenti nel sangue tramite una scelta ponderata dei cibi. Seguendo una corretta alimentazione è infatti possibile coadiuvare i naturali processi di detossificazione dell’organismo e ridurre la quota di tossine originatasi durante i vari metabolismi. Una dieta depurativa dovrà quindi basarsi sul consumo di alimenti di facile digestione, poveri di grassi e soprattutto di proteine.

Oltre a ridurre l’introito proteico e contenere gli apporti calorici, una dieta depurativa deve promuovere l’ottimale funzionalità epatica, fornendo al fegato tutti i substrati necessari a sostenere i vari processi di detossificazione. In generale, tali sostanze si trovano nei vegetali e negli alimenti integrali, ma anche in quelli animali come uova e pesce, che – anche se con una certa moderazione – devono comunque essere consumati regolarmente.

Alimenti consigliati durante una dieta depurativa: ananas, carciofo, cipolla, cetriolo, cocomero, finocchio, prezzemolo, sedano, cavoli, broccoli, succo d’uva, frutti di bosco, riso integrale, succhi di frutta non troppo zuccherati e spremute di agrumi, yogurt anche in questo caso senza troppi zuccheri aggiunti, mela, the verde, prugne, olio di oliva ed oli di semi (ricordare inoltre di lavarsi sempre accuratamente le mani prima di mangiare).

Alimenti sconsigliati durante una dieta depurativa (e da moderare in quella di tutti i giorni): sale, cibi affumicati, abbrustoliti, eccessivamente salati o fritti, salumi, cioccolato, dolciumi, caffè, carni grasse ed eccessi alimentari in genere.

In una efficace dieta detox, o meglio una dieta depurativa e disintossicante, i migliori alleati sono senz’altro frutta e verdura. Ricchi di acqua e numerose sostanze benefiche per il nostro organismo, come antiossidanti, vitamine, fibre e minerali, sono infatti capaci di farvi eliminare tossine e scorie indesiderate dall’organismo.

Grazie all’assunzione di questi principi nutritivi,  si contribuisce a ristabilire un corretto funzionamento del nostro corpo e dei suo organi quali fegato, reni ed intestino. Il consiglio è sempre quello di cercare di consumare alimenti freschi, quindi possibilmente frutta e verdura di stagione; magari anche in forma liquida, come deliziosi frullati detox.  Vediamo allora quali alimenti possono esserti utili per tornare al massimo della forma.

Uva. Grazie all’ottimo quantitativo di acqua e alla carenza di sodio il consumo di uva contribuisce a pieno alle normali funzioni e attività di fegato, intestino e reni, principali organi deputati all’espulsione di tossine. Favorisce difatti la diuresi, svolgendo una vera e propria azione depurativa per il nostro organismo. La presenza inoltre di vitamine A e C rendono le tossine più solubili e quindi più facili da allontanare dal loro deposito nel fegato. Attenzione a non eccedere però nel suo consumo, in quanto i chicchi d’uva sono molto ricchi di sostanze zuccherine.

Albicocche. Ricche di vitamina A e C, sono anche una fonte preziosissima di sali minerali, come il calcio, il ferro, il potassio, fosforo e sodio. Con il vantaggio ulteriore di avere pochissime calorie e di essere il frutto perfetto da mangiare fuori casa: comodo e pratico.

More. Un frutto di bosco ipocalorico, dal grande potere antiossidante e depurativo. Le more grazie al loro alto contenuto in acqua e fibre aiutano ad espellere scorie e sostanze di scarto ed anche a drenare liquidi in eccesso, garantendo un buon contributo al buon funzionamento dell’intestino e fegato. Interessante e più gustoso potrebbe essere il loro consumo realizzando freschi e salutari centrifugati detox proprio a base di more, magari nel giusto abbinamento con qualche altro frutto purificante.

Carote. Dalle eccellenti proprietà depurative e antiossidanti, le carote non possono certo mancare all’interno di una corretta dieta detox. Un ortaggio ricco di minerali e vitamine, tra cui si distingue sicuramente il beta-carotene, precursore della vitamina A. Esso contribuisce a regolare le funzioni intestinali, agisce come diuretico e depurativo, utile in caso di problemi e disturbi all’apparato digerente. Anche per le carote si consiglia il loro consumo a crudo e fresco per beneficiare a pieno delle loro proprietà. Ottimo è anche il succo o centrifugato di carote, che aumenta la disponibilità del beta-carotene e mantiene inalterati i contenuti degli altri principi nutritivi.

Sgarrare ogni tanto, inoltre, fa bene anche per disintossicarsi: il piacere del palato favorisce la produzione di endorfine, sostanze dagli effetti antidepressivi, ansiolitici e antifame, che aiutano a contenere i danni provocati dall’eccesso alimentare.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie