E’ la settimana più calda dell’estate: mercoledi si sfioreranno i 40 gradi

1

E’ la settimana più calda dell’estate 2018. Caldo e afa stanno salendo alle stelle sono attesi in intensificazione anche nelle ore notturne, con la canicola che concederà ben poco respiro specie nei grandi centri urbani. Il caldo è lievemente meno intenso lungo il medio-basso versante adriatico, zone interessate da qualche sbuffo d’aria fresca dai quadranti settentrionali.

Scenario meteo pressoché invariato fino al primo weekend d’agosto, con l’anticiclone afromediterraneo che dominerà in modo probabilmente indiscusso, pur mantenendo il suo fulcro tra Spagna, sud della Francia e Baleari, tutte zone queste che saranno maggiormente investite dalla risalita delle masse d’aria roventi da sud.

L’Italia sarà comunque ben abbracciata dall’anticiclone subtropicale. Resterà una certa instabilità, con temporali diurni anche intensi ma limitati soprattutto i rilievi. Diversamente da quanto accaduto con precedenti ondate di calore dal Sahara, stavolta il caldo risulterà duraturo e non finirà ad opera dell’inserimento di una saccatura atlantica.

Valori in progressiva crescita nel corso della settimana, fino a 38/39 gradi a Bologna e Firenze, ma 37 anche sulla Capitale, e soprattutto per almeno 3/4 giorni consecutivi. Aumenterà, inoltre, la sensazione di afa, a causa dell’elevata umidità relativa. ILMeteo.it avvisa che almeno fino a domenica, quando potrebbe arrivare qualche temporale, non ci saranno novità.

L’asse dell’anticiclone resterà però un po’ sbilanciato ad ovest e questo esporrà soprattutto le regioni adriatiche e meridionali a spifferi d’aria più fresca in quota alimentando instabilità temporalesca, che dovrebbe accentuarsi proprio sul finire della settimana un po’ su tutte le aree interne e montuose.

Il caldo sarà forte e con picchi di temperatura localmente prossimi ai record storici in qualche località del Nord. Nessuna sorpresa, ormai le ondate di caldo estremo sono sempre più frequenti e spesso le peggiori coincidono con la prima parte d’agosto. Quest’ondata di calore, che perdura già da giorni, sarà però notevole per la persistenza, non vedendosi novità ad oltre una settimana.