Escherichia coli, ministero Salute ritira formaggio Fontina

Per un lotto di formaggio Fontina Dop Terre d’Italia è stata appena diramata un’allerta dal Ministero della Salute perchè potrebbero contenere il pericoloso batterio Escherichia Coli ” produttore di tossina Shiga (STEC). L’allerta in questione del 26 luglio, riguarda solo il lotto L171 e la data di scadenza 19/08/2018. La fontina Dop è stata prodotta per GS Spa dalla Cooperativa Produttori Latte e Fontina Loc. Coop. arl nello stabilimento in località La Croix-Noir 19, a Saint-Christophe, in provincia di Aosta.

Nell’ottica d’informazione quotidiana ai consumatori in materia di allerte alimentari, lo “Sportello dei Diritti” nella persona del presidente Giovanni D’Agata, raccomanda, a scopo precauzionale, di non consumare la fontina Dop con il numero di lotto segnalato nel richiamo e di restituirlo al punto vendita d’acquisto. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il produttore al numero 3351357783. Per visualizzare i richiami del Ministero, basta recarsi sul sito dell’istituzione e cliccare sul link “richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori” sotto la voce “Avvisi sicurezza”.

Alcuni ceppi di Escherichia coli causano malattia, generalmente limitata ad episodi diarroici passeggeri. La diarrea del viaggiatore, ad esempio, è spesso causata da ceppi di Escheria coli enterotossigeni, che tra i bambini dei Paesi in via di sviluppo rappresentano la prima causa di diarrea batterica.

Ceppi di Escherichia coli associati a patologie intestinali. L’incubazione è breve (12-72 ore) e la diarrea, francamente acquosa, si accompagna a dolori addominali crampiformi, talvolta a vomito, ma di norma non presenta tracce di muco o sangue.

Da notare, inoltre, che gli stessi ceppi commensali (normalmente innocui) in determinate condizioni possono dare malattia al di fuori del tratto enterico. Favoriti dalla debilitazione del sistema immunitario, dal diabete o dalla presenza di un calcolo o di un catetere urinario, questi batteri possono ad esempio risalire le vie urinarie e produrre fastidiose uretriti, cistiti, prostatiti e nei casi più gravi pielonefriti. Altri ceppi patogeni extraintestinali possono determinare meningiti neonatali, setticemie, peritoniti e infezioni di altri organi interni.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie