Gambe gonfie, crampi e circolazione, ecco come i mirtilli ti aiutano in modo naturale

179

I mirtilli aiutano le gambe. Capillari in evidenza, gambe stanche, gonfiore e crampi sono segnali di una iniziale difficoltà a carico della circolazione venosa. Il mirtillo nero è un frutto del sottobosco della famiglia delle Ericacee. I mirtilli sono preziose bacche note sin dai tempi più remoti per le loro innumerevoli proprietà nutrizionali. La più conosciuta è che è un potente antiossidante a basso contenuto calorico oltre che un antiaging naturale.

Il consumo di mirtilli è utile nel trattamento dell’insufficienza venosa e delle condizioni di fragilità capillare. In particolare le ricerche cliniche hanno dimostrato l’efficacia terapeutica del mirtillo nel migliorare la circolazione sanguigna.

Mirtilli, amici di gambe. I mirtilli sono utili per tutti i problemi venosi caratterizzati da pesantezza alle gambe, formicolii, prurito, crampi, gonfiore e varici che possono accentuarsi nel mese di agosto in concomitanza con l’intensificarsi del caldo. Tra le altre proprietà più vantaggiose per la salute e per la linea, i mirtilli consentono di aumentare il cosiddetto “colesterolo buono” nel sangue e quindi di svolgere un’azione protettiva sul cuore e sulla circolazione.

Grazie al contenuto di acqua e minerali i mirtilli favoriscono la diuresi e contrastano la ritenzione idrica. Essi inoltre prevengono le infezioni urinarie (cistiti, uretriti) particolarmente frequenti d’estate, sia attraverso la stimolazione della diuresi e sia impedendo l’adesione dei batteri alla parete delle vie urinarie. Con un effetto sgonfiante immediato.

Il modo migliore per trarre vantaggio da tutte le proprietà del mirtillo è sicuramente quello di consumare le bacche di mirtillo fresche allo stato naturale (dopo averle ben lavate), approfittando anche degli indiscutibili vantaggi di una camminata in un bosco di montagna per la raccolta. Le bacche di mirtillo possono anche essere surgelate senza perdere le loro proprietà. Le piccole dimensioni delle bacche di mirtillo rendono questo frutto facilmente utilizzabile in cucina in una molteplicità di piatti estivi, specialmente nelle macedonie assieme ad altri frutti estivi (per esempio, melone, pesca, albicocca) o in aggiunta a un vasetto di yogurt magro.

Come succo: In alternativa si può assumere il succo concentrato di mirtillo (meglio se centrifugato fresco), nella dose di uno o due bicchieri al giorno a digiuno.

In capsule se le gambe sono molto gonfie. In fitoterapia è molto efficace anche l’estratto secco di mirtillo al 6% titolato in antocianosidi al 15% (2-4 capsule al giorno per 40 giorni): questa formulazione concentrata cura tutti i problemi di insufficienza venosa che si manifestano con gonfiori degli arti inferiori e ritenzione.Con i mirtilli freschi puoi anche preparare una composta casalinga ponendo in una pentola due manciate di bacche fresche, un cucchiaio di zucchero di canna e un poco di acqua: porta a bollore e fai raffreddare. Usa la composta sul pane per colazione: depura e sgonfia l’intestino.

Il mirtillo nero è quello che ha più concentrati vitaminici essenziali per l’organismo. Infatti aiuta a rafforzare il sistema immunitario in quanto contiene molti antiossidanti fondamentali; questi stimolano il cervello a non perdere (con l’avanzamento dell’età) l’uso della memoria grazie alla presenza dei flavonoidi.

Quando non dev’essere usato il mirtillo? Si consiglia di evitare l’uso di estratti e altri prodotti da banco, sia a base di frutti che di foglie, in gravidanza e allattamento. Il mirtillo è anche controindicato:

– Nei soggetti potenzialmente allergici

– In caso di diabete trattato farmacologicamente: le foglie di mirtillo potrebbero abbassare la glicemia sommando il proprio effetto a quello dei farmaci.

– Prima della chirurgia: per la stessa ragione appena descritta, si consiglia di interrompere l’assunzione di mirtillo almeno due settimane prima di un intervento chirurgico pianificato.

Mirtillo e capillari deboli. Secondo un racconto popolare risalente alla seconda guerra mondiale, i piloti della RAF (Forza militare aerea della Gran Bretagna) erano soliti consumare marmellata di mirtilli per affinare la visione notturna durante le missioni; nonostante ciò, gli studi clinici più recenti non hanno confermato l’efficacia del frutto nella cura dei problemi associati alla visione crepuscolare e notturna.

Mirtillo contro gli inestetismi. L’effetto positivo degli antocianosidi di mirtillo sull’aumento della resistenza capilare e sulla diminuzione della permeabilità vascolare (azione antiedemigena), associato alla loro azione blandamente diuretica, rendono il mirtillo un alimento particolarmente utile nel trattamento della cellulite, della ritenzione idrica, delle emorroidi e delle vene varicose.

Ti Potrebbero interessare anche: