Infuso di menta: energizzante, tonico ed antidepressivo

In estate spesso sentiamo la necessità di bere qualcosa di energizzante, tonica ed antidepressiva, che possa anche svolgere un’azione calmante e distensiva, magari al termine della giornata, quando siamo stanchi e stressati a causa del lavoro. Un infuso a base di menta è certamente una soluzione estremamente efficace per svolgere tale compito, dato che si tratta di una pianta medicinale in grado di dare un senso di relax all’intero organismo.

Se pensate che le proprietà benefiche della menta piperita siano state scoperte solo di recente, allora forse non sapete che già gli Egizi ne facevano un uso massiccio. La adoperavano principalmente per problematiche legate al processo digestivo, per stimolare i succhi gastrici, frenare il senso di nausea e placare il mal di testa.

Ma come mai è così preziosa? Nelle foglie e nelle sommità fiorite, la menta piperita contiene una quantità di mentolo ben più massiccia rispetto alle piante della sua stessa specie, ecco perchè è molto richiesta in naturopatia, ma anche nell’industria dolciaria, per aromatizzare dolci e liquori.

Inizialmente, dovremo far bollire 80 cl di acqua: l’operazione successiva sarà quella di inserire all’interno di una teiera 20 foglie di menta fresca, ma anche quattro foglie di salvia e mezzo cucchiaino di dragoncello. Nel momento in cui l’acqua giunge ad ebollizione, possiamo versarla all’interno del contenitore in cui abbiamo inserito i diversi ingredienti: mescoliamo e poi lasciamo in infusione per almeno tre minuti.

Una volta che sono passati i tre minuti, possiamo provvedere al filtraggio dell’infuso, per poi versarlo all’interno di tazze o particolari bicchierini: dopodiché, si potrà rendere più dolce il composto, aggiungendo un pizzico di miele o il succo di limone. Questa tipologia di infuso non rappresenta solamente una bevanda rinfrescante, dal momento che è in grado anche di essere impiegato piuttosto efficacemente per combattere il mal di denti e infiammazioni alle gengive. Si tratta di un’ottima tisana dissetante, che si può anche lasciar raffreddare e poi bere nel corso della giornata.

Menta per un bagno rinfrescante. Perché non godere degli effetti benefici della menta anche direttamente sulla pelle? Dopo una giornata stressante, riempiamo la vasca con acqua calda ed immergiamo un po’ di foglie di menta fresca o secca. Possiamo anche racchiuderle in un piccolo sacchetto di stoffa per non farle finire nello scarico o nel filtro quando togliamo l’acqua. Questo è uno dei migliori usi della menta.

L’essenza che si sviluppa durante il bagno rilasserà la mente conferendo all’ambiente un profumo fresco. Inoltre, allo stesso tempo, tonificheremo la pelle rendendola anche più profumata. Per un effetto ancora più benefico, mettiamo in un brucia essenze l’olio di menta piperita o un altro olio rilassante. La menta è ottima anche per un pediluvio naturale e per deodorare i piedi!

Menta per rinfrescare l’alito. Grazie alla menta basta davvero poco per avere un alito fresco e pulito. Possiamo sostituire le classiche mentine che troviamo in commercio (ricche di zuccheri e conservanti) con qualche fogliolina di menta fresca appena raccolta. Possiamo usarle per profumare l’alito semplicemente masticandole o per preparare una tisana alla menta. Basta far bollire 4-5 foglioline in una tazza d’acqua e berne un paio di tazze al giorno, fredda o calda a seconda dei gusti e della stagione.

Menta per mal di stomaco. Tra gli usi della menta, ricordiamo quello di utilizzarla nel caso di crampi addominali. Basta quindi preparare un tè alla menta con qualche foglia e 250 ml di acqua. Facciamo bollire il tutto e lasciamo in infusione per 10-15 minuti prima di bere tiepida all’occorrenza.

Menta per digerire meglio. Con la menta possiamo fare diverse bevande digestive, sia calde che fredde. Usiamo le foglioline fresche per fare un infuso digestivo da bere dopo i pasti principali. Basta qualche foglia fresca o secca da lasciare in acqua bollente per 5-10 minuti prima di bere. Volendo possiamo aggiungere nella nostra tisana digestiva alla menta anche qualche goccia di limone.

A scopo cautelativo, l’impiego della Menta è sconsigliato in gravidanza, in allattamento e in caso di gastrite, glaucoma, disfunzioni alla tiroide e ipersensibilità verso uno o più componenti della droga.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie