Antidepressivi, efficaci al 60 per cento

Psicofarmaci: c’è chi sostiene che funzionano e c’è chi è convinto che non facciano niente. In questo perdurante dilemma, il New York Times di recente ha titolato: «Gli psicofarmaci funzionano». Lo ha fatto sulla base di una ricerca pubblicata dalla rivista The Lancet, condotta da studiosi di varie nazionalità e che ha come prima firma un italiano, Andrea Cipriani, professore di psichiatria della Oxford University.

I ricercatori hanno pescato da vari circuiti di indagini internazionali 522 studi che nel complesso hanno coinvolto 16.477 persone. E quel che si è visto in termini di efficacia è che la totalità degli antidepressivi presi in esame si erano rivelati, in tutte le prove, più efficaci rispetto al placebo: una sostanza inerte, somministrata al paziente a sua insaputa. E che tuttavia in molti pazienti sembra suscitare, fino a un certo punto, risultati simili al farmaco vero, forse per autosuggestione.

Nello studio sono stati presi in esame 21 antidepressivi di uso più comune. Già qualche anno fa lo stesso gruppo aveva revisionato l’efficacia di 12 psicofarmaci. Ora quelli sottoposti a indagine collettiva sono stati: Agomelatina, Bupropione, Citalopram, Desvenlafaxina, Duloxetina, Escitalopram, Fluoxetina, Fluvoxamina, Levomilnacipran, Milnacipran, Mirtazapina, Paroxetina, Reboxetina, Sertralina, Venlafaxina, Vilazodone, Vortioxetina, Amitriptylina, Clomipramina, Trazodone, Nefazodone. Alcuni si sono rivelati più efficaci nel contrastare la depressione maggiore acuta, precisamente sette: agomelatina, escitalopram, amitriptilina, mirtazapine, venlafaxine, paroxetine, vortioxetina. Fermo restando che la risposta ai vari psicofarmaci è personale.

Dunque, assodato che i 21 antidepressivi sopra elencati sono efficaci, il New York Times, nel riportare questa buona notizia commenta, però, che si tratta di risultati modesti. Di benefici di non grande conto per i malati di questa patologia che dilaga sempre più e che già ora, secondo John Geddes, psichiatra epidemiologo di Oxford, rappresenta la prima causa di disabilità nel mondo. Cosa ne pensa Cipriani? «Sono d’accordo, l’efficacia media resta in un livello modesto. In concreto posso dire che il 60 per cento dei pazienti rispondono agli antidepressivi: nel giro di otto settimane la gravità del loro stato si dimezza. Ma c’è un 40 per cento che risponde al placebo. Alla fine la differenza tra placebo e depressione è del 20 per cento. Vero è che la differenza è sottostimata perché c’è chi il placebo in realtà non lo prende, però…».

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie