Brescia, neonato muore in ospedale per un batterio

Un neonato è morto agli Spedali civili di Brescia a causa del batterio serratia marcescens. Lo scrive il quotidiano locale Bresciaoggi. Il bimbo, nato prematuro da una coppia bresciana, era ricoverato anche con il gemellino che pure avrebbe contratto il batterio così come altri bambini presenti nello stesso reparto di patologia neonatale. Il decesso è avvenuto nella giornata di martedì. I carabinieri del Nas hanno acquisito tutta la documentazione medica.

Sarà l’autopsia disposta dalla procura di Brescia che ha aperto un’inchiesta contro ignoti, a stabilire le cause esatte del decesso del neonato morto martedì agli Spedali Civili di Brescia. Il piccolo il 20 luglio avrebbe contratto il batterio serratia marcescens, che ha resistito alle cure antibiotiche.

Il piccolo, nato prematuramente da una coppia bresciana, era ricoverato nel reparto di patologia neonatale dell’ospedale bresciano con il gemellino, che avrebbe contratto l’infezione a sua volta ma che starebbe rispondendo alle cure. Sarebbero complessivamente otto i neonati infettati dal virus che, si contrae in ambito ospedaliero. I bambini sono ricoverati in terapia intensiva e le loro condizioni sono stabili.

Come si contrae l’infezione da Serratia? Il principale fattore di rischio nel contrarre infezioni da Serratia è il ricovero in ospedale (tra le Specie più note e diffuse c’è la Serratia marcescens, che causa nell’uomo infezioni opportunistiche e nosocomiali), oltre al posizionamento di cateteri per via endovenosa, intraperitoneale e urinaria e all’inserimento di strumentazioni mediche per agevolare la funzionalità respiratoria. Altri fattori di rischio includono trasfusioni e infusioni endovenose contaminate.

Che cos’è l’infezione da Serratia? La Serratia è un Genere batterico appartenente alle Enterobacteriaceae, famiglia all’interno della quale si trovano specie batteriche Gram-negative, asporigene, aerobie/anaerobie facoltative. Sono batteri presenti comunemente nel suolo, nelle acque superficiali e di scarico, sulle piante, negli insetti, negli animali e nell’uomo. Pur essendo piuttosto diffusi nell’ambiente questi batteri non sono – a differenza di molti altri batteri della famiglia Enterobacteriaceae – componenti comuni della flora fecale umana. Le infezioni da Serratia più diffuse sono quelle causate dalla Specie Serratia marcescens, che provoca nell’uomo infezioni opportunistiche e nosocomiali. Più rare sono le infezioni dovute ad altre Specie (Serratia plymuthica, Serratia liquefaciens, Serratia rubidaea, Serratia odorifera e Serratia fonticola).

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie