I gatti allungano la vita: combattono la depressione e fanno bene al cuore

I gatti hanno il potere di allungare e rendere migliore la vostra vita. Le ricerche lo sostengono da tempo annoverando numerosissimi benefici per chi possiede questi animali, la cui presenza sembra essere in grado di ridurre notevolmente stress e tensioni di “noi umani”.

L’Università del Minnesota, ad esempio, aveva studiato come la presenza di un gatto nelle nostre abitazioni potesse essere d’aiuto per il nostro cuore, anche grazie alla sua abilità di renderci calmi e sono tante anche le associazioni ed i presidi medici che ne riconoscono l’importanza.

In questi giorni, ad esempio, Fondazione Iseni e Centro Cuore Malpensa, dopo un’iniziativa di pet-therapy lanciata lo scorso anno con l’adozione di cuccioli di cani, replicheranno quest’anno con un progetto che prevede in questo caso l’adozione di alcuni gattini.

“Il contatto con il pelo del gatto produce ossitocina, l’ormone della felicità – ha commentato Andrea Macchi, direttore del Centro Cuore – e a differenza del cane, la difficoltà del gatto a fidarsi ed affidarsi all’essere umano stimola in quest’ultimo l’autocontrollo e l’impegno prolungato nella relazione con il cucciolo. Inoltre anche le fusa sono un immediato riscontro delle attenzioni rivolte all’animale e rilassano in modo naturale anche il paziente”.

“Abbiamo deciso di avviare, attraverso la Fondazione Iseni, dei protocolli di intesa con alcuni gattili del territorio gestiti da volontari dove vengono portati i gatti abbandonati. Proporremo a chi soffre di patologie cardiache l’adozione di un cucciolo – rende noto il presidente Fabrizio Iseni -. Una soluzione con un doppio risultato: primo, ovviamente, prolunga la vita ai malati, secondo dà una casa ai gatti abbandonati, che avranno così una famiglia e ripagheranno tutto l’affetto che ricevono regalando anni di vita a chi se ne prende cura”.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie