Obesità infantile, il M5S ora pensa a una “sugar tax”

Guerra agli zuccheri e ai grassi, contro l’obesità infantile. Questa l’ultima battaglia del M5S, che ora pensa anche a una ‘sugar tax’. “L’obesità infantile è un fenomeno purtroppo in costante crescita nel nostro Paese, per questo la prevenzione deve diventare il primo strumento da utilizzare, attraverso campagne d’informazione mirate e una corretta educazione alimentare”, spiegano i componenti pentastellati della commissione Affari sociali della Camera.

Per questo motivo, il Movimento 5 Stelle ha presentato oggi una risoluzione in Commissione per “impegnare il governo a combattere l’obesità infantile con delle misure che affrontano il problema sotto tutti i punti di vista – spiegano i firmatari – e il nostro ringraziamento va alla capogruppo M5S in commissione Affari sociali Celeste D’Arrando, prima firmataria della risoluzione”.

Il M5S propone “che i luoghi frequentati da bambini come asili, scuole, parchi giochi, cliniche della famiglia e del bambino e dei servizi pediatrici, siano liberi da ogni forma diretta e indiretta di commercializzazione e pubblicizzazione di alimenti con grassi saturi, acidi grassi, zuccheri e sali liberi. Ma anche l’idea di assumere iniziative per vietare l’utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere cibo con alto contenuto di grassi, zuccheri e sale”.

E’ stata anche proposta – aggiungono – l’ipotesi di riportare nelle confezioni dei prodotti destinati ai più giovani e nelle bevande zuccherate, etichette o scritte che indichino il rischio di obesità associato al consumo squilibrato in esso contenute e verrà valutata la ‘sugar tax’: la tassa sulle bevande zuccherate, già presente in alcuni paesi. Una tematica che coinvolge sinergicamente famiglia, scuola e istituzioni con un unico obiettivo: la prevenzione prima di tutto per assicurare ai cittadini un corretto stile di vita, a cominciare proprio dai bambini”, concludono.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie