Panda rosso a rischio estinzione, nel mondo restano solo 2.500

Il panda rosso, uno degli animali più dolci e carini esistenti al mondo, è attualmente in pericolo. Proprio così. Ci sono attualmente circa 2.500 panda rossi selvatici in  circolazione nel mondo, che vivono sulle montagne che sorgono tra la Cina e il Nepal, e circa 500 che vivono in cattività negli zoo di tutto il mondo. E mentre affronta i molti pericoli esistenti, quello che lo zoologo francese del 19 ° secolo, Frédéric Cuvier una volta ha definito “il più bel mammifero esistente” il cambiamento climatico potrebbe essere l’ultimo chiodo sulla futura bara del nostro tenerissimo panda rosso.

La popolazione mondiale di panda rosso è diminuita del 50% negli ultimi 20 anni anche perchè sono sempre meno i bambù dove costruiscono i loro nidi. La rapida crescita della popolazione umana nell’Himalaya orientale sta causando la deforestazione e il degrado e quindi la frammentazione dell’habitat del panda rosso per via di progetti di sviluppo tra cui strade, progetti idroelettrici, linee di trasmissione elettrica e miniere, nonché conversioni di insediamenti agricoli e incendi boschivi.

Anche l’allevamento di bestiame è fra le cause della distruzione dell’habitat del panda rosso. Ma anche i cani che proteggono i greggi e alcune malattie (sette specie di parassiti gastrointestinali sono state segnalate nei panda rossi mentre il virus del cimurro canino – spesso presente nei cani non vaccinati – è altamente infettivo e sempre fatale per i panda rossi) sono fra le principali cause della mortalità del panda rosso.

Fra le minacce a questa specie c’è anche il cambiamento climatico che sta causando siccità frequenti, nevicate e inondazioni e modificando la vegetazione nell’Himalaya. Le minacce naturali sono aggravate dalla debole applicazione della legge, instabilità politica e basso coordinamento tra gli stakeholder. Così, rileva il sito redpandanetwork, personale inadeguato e retribuzioni basse per ranger e forze dell’ordine nelle aree protette e nelle foreste comunitarie non garantiscono una protezione adeguata contro il bracconaggio e la distruzione dell’habitat.

Peraltro, c’è anche ignoranza della popolazione locale su quanto il panda rosso sia una specie a rischio di estinzione. Intanto, in Italia, grazie alla cura di strutture professionali come i parchi faunistici, a molti panda rossi è data un’importante seconda possibilità di vita: a Le Cornelle, ad esempio, sono due i panda rossi accuditi. La Giornata internazionale del Panda Rosso nasce per incoraggiare le persone a scoprire questa creatura, contribuendo a tutelare e a salvare il bioma in cui vive. Così in occasione dell’International red panda day nel parco faunistico in provincia di Bergamo si organizza l’Educazoo, il format di informazione ambientale con cui conoscere più da vicino gli animali del Parco.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie