USA, in arrivo uragano Florence, in Virginia evacuazione per 245 mila persone

Il presidente Donald Trump ha ammonito su Twitter sulla pericolosità dell’imminente uragano Florence invitando i cittadini della Carolina del nord e del sud e tutti quelli dell’intera costa sudorientale a “prendere ogni precauzione” e a “seguire le istruzioni delle autorità locali”.
Florence “è molto pericoloso”, ha avvisato, rassicurando però “siamo con voi”.

Anche lo stato del Maryland ha dichiarato lo stato di emergenza in vista dell’arrivo dell’uragano Florence. Idem il sindaco di Richmond, capitale della Virginia. Anche il governatore della Virginia ha ordinato un’evacuazione obbligatoria lungo alcune zone della costa in vista dell’arrivo dell’uragano. L’operazione inizierà martedì alle 8 locali (le 14 in Italia) e interesserà circa 245 mila persone.

Il National meteorological service (Nws) ha invitato i cittadini “a non concentrarsi sulla previsione della traiettoria” perché “gli effetti significativi si faranno sentire oltre il cono e arriveranno sulla costa ben prima dell’occhio del ciclone”. Le autorità della Carolina del Nord hanno ordinato le prime evacuazioni sull’isola di Hatteras e, a partire da oggi, nella regione turistica costiera di Outer Banks.

Florence dovrebbe passare martedì e mercoledì tra Bahamas e Bermuda e raggiungere giovedì la costa degli Stati Uniti. Più che i venti, le autorità temono le inondazioni causate dalle precipitazioni che accompagnano l’uragano. Lunedì la Marina degli Stati Uniti ha ordinato a 30 navi da guerra attraccate a Norfolk, la principale base navale della costa orientale, in Virginia, di salpare per evitare l’uragano. Florence è seguito da altri due uragani in arrivo dall’Atlantico: Helene, che lunedì ha raggiunto i 165 chilometri orari in direzione nord-ovest, e Isaac che viaggia ai 120 chilometri orari verso le Piccole Antille.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie