Vaiolo delle scimmie: secondo caso in Gran Bretagna

E’ allarme in Gran Bretagna per il vaiolo delle scimmie. Il governo britannico aveva già confermato durante il fine settimana che ad un ufficiale navale in visita nel Regno Unito dalla Nigeria era stata diagnosticata la malattia ed era ricoverato in ospedale. Ed è stato il primo caso mai visto della malattia nel Regno Unito. Tuttavia, nel giro di pochi giorni è stato scoperto un secondo infettato. Funzionari della sanità pubblica hanno dichiarato che la persona è arrivata con sintomi compatibili con la malattia al Blackpool Victoria Hospital e che i test sono risultati positivi.

Il paziente, la cui età o genere non sono stati divulgati, ha anche visitato di recente la Nigeria dove si ritiene che abbia contratto il virus. Da allora sono stati trasferiti al Royal Liverpool University Hospital, un centro specializzato per le malattie respiratorie infettive. La sanità pubblica inglese dice che non c’è “nessun collegamento” tra il primo paziente e questo nuovo caso. Come con il primo, stanno contattando coloro che potrebbero essere entrati in stretto contatto con la persona per fornire consigli e assistenza.

Il “Vaiolo delle Scimmie”, simile al temibile Variola (il virus del vaiolo), ora sradicato, è stato diagnosticato per la prima volta in scimmie di laboratorio nel 1958 con il primo caso umano registrato nella Repubblica Democratica del Congo nel 1970. Ora si trova principalmente nell’Africa centrale e occidentale. Il virus non si diffonde facilmente tra le persone. Il contatto con i vestiti, la biancheria da letto o gli asciugamani di una persona infetta, o l’essere in prossimità della loro tosse e starnuti, sono le cause più probabili di infezione. Il virus può entrare nel corpo attraverso la pelle rotta, il tratto respiratorio o le mucose (occhi, naso o bocca).

Gli esperti di Salute pubblica riferiscono dicono che c’è stata una grande epidemia di Vaiolo delle Scimmie in Nigeria l’anno scorso e sono ancora in corso casi sporadici. Ma ammettono che è insolito che due casi siano scoperti così vicini nel Regno Unito e che si stanno impegnando a fondo per assicurarsi che siano contenuti.

Il dott. Nick Phin, vicedirettore del National Infection Service del PHE (Public Health England), l’agenzia esecutiva del Dipartimento di salute e assistenza sociale nel Regno Unito ha detto: “Sappiamo che nel settembre 2017 la Nigeria ha registrato un ampio focolaio di Vaiolo delle Scimmie e da allora sono continuati a essere segnalati casi sporadici. È probabile che il Vaiolo delle Scimmie continui a circolare in Nigeria e potrebbe quindi interessare i viaggiatori che ritornano da questa parte del mondo.

“Tuttavia, è molto raro vedere due casi in uno spazio di tempo relativamente breve. “Stiamo lavorando duramente per contattare le persone, compresi gli operatori sanitari, che potrebbero essere venuti in contatto con l’individuo per fornire informazioni e consigli sulla salute”. Il Dott. Mike Beadsworth, Direttore Clinico dell’unità Malattie Tropicali e Infettive, ha dichiarato: “Stiamo curando un paziente che è risultato positivo al Vaiolo delle Scimmie: il paziente viene assistito dal nostro personale specializzato in malattie infettive e tropicali, da personale altamente qualificato e con esperienza nel trattare con una varietà di malattie infettive. “Tutte le precauzioni necessarie sono prese da personale specializzato e attualmente non vi sono rischi per altri membri del personale, pazienti o visitatori. “Chiediamo che le persone continuino ad usare i nostri servizi normalmente e che le persone vengano solo al nostro pronto soccorso se le loro condizioni sono gravi e / o di emergenza”.

Coloro che sono affetti dal virus, ricorda Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” , normalmente iniziano a manifestare febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, linfonodi ingrossati, brividi e stanchezza. I medici ricordano che, quindi, un’eruzione cutanea può svilupparsi sulla testa e sul corpo. L’eruzione cambia e attraversa diverse fasi prima di formare una crosta, che poi cade.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie