I cambiamenti climatici influenzano i disturbi mentali

I cambiamenti climatici hanno degli effetti notevoli non solo sull’ambiente, ma anche sulla salute psicofisica delle persone. Uno studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology ha individuato una serie di disturbi mentali che crescono proporzionalmente all’aumento delle temperature. I ricercatori del Mit hanno seguito l’andamento psicologico e psichiatrico di oltre 2 milioni di cittadini statunitensi per un periodo di tempo di dieci anni. Le informazioni raccolte sono poi state messe in relazione con i dati metereologici sulle variazioni del clima.

I ricercatori del MIT che hanno condotto l’indagine, hanno osservato come, a fronte del generale aumento di un grado Celsius, le patologie psicologiche di media entità sono salite del 2%. Le malattie rilevate includono: depressione, stati di ansia, insonnia, paure, malesseri psichici generalizzati. Ma non suicidi o ospedalizzazioni per depressioni gravi.

Il rapporto pubblicato su “PNAS”, ha anche studiato gli effetti di precipitazioni intense nel corso di 30 giorni sull’umore, rilevando che le piogge insieme ad un caldo più intenso del normale peggiorano gli stati depressivi e la salute mentale.

Il team guidato da Nick Obradovich ha voluto anche analizzare l’effetto dell’uragano Katrina – legato anch’esso al cambiamento climatico – sulle persone che vivevano nell’area: tra queste i disturbi mentali sono saliti del 4%. A confermare gli esiti dello studio e’ stato Jonathan Patz, direttore del “Global Health Institute” dell’universita’ dell’ Wisconsin. Una ricerca condotta per 17 anni dallo stesso Patz, ha verificato un incremento dei suicidi e dei tentativi di farsi del male a fronte di fasi di caldo piu’ intenso della norma.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie