Lo Stress annebbia la mente e riduce la memoria a partire dai 40 anni

3

Lo stress annebbia la mente e riduce la memoria già nei 40enni. La scoperta si deve a un team di ricercatori della Harvard Medical School di Boston, coordinato da Justin Echouffo-Tcheugui. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Neurology.

Condotto da Justin Echouffo-Tcheugui, della Harvard Medical School di Boston, lo studio mostra che chi presenta nel sangue elevate concentrazioni del principale ormone dello stress – il cortisolo – non solo ha dei problemi di memoria rispetto a coetanei con meno cortisolo, ma presenta anche un volume cerebrale ridotto, a parità di altri fattori che possono influenzare le capacità mnemoniche e cognitive individuali.

Studio su 2300 persone con età media di 49 anni. Per compiere la ricerca, gli esperti della Harvard Medical School di Boston hanno monitorato la salute di più di 2300 persone sane con età media di 49 anni. Dagli esami del sangue è emerso che gli individui che presentano alte concentrazioni di cortisolo, rispetto ai loro coetanei, lamentano problemi di memoria e presentano una riduzione del volume cerebrale.
“La nostra ricerca ha evidenziato perdita di memoria e volume cerebrale in persone di mezza età sane, quindi è importante per ciascuno trovare delle modalità di riduzione dello stress”, spiega Echouffo-Tcheugui.

Come ridurre lo stress. Lo stress non è da sottovalutare. Quando il livello di cortisolo presente nel sangue resta elevato per un periodo di tempo troppo prolungato potrebbe comportare lo sviluppo di altre problematiche, quali l’innalzamento della pressione. A tal proposito gli esperti consigliano di intervenire tempestivamente per porre fine, il prima possibile, alle condizioni che comportano l’aumento della tensione. “Tra le soluzioni per ridurre lo stress è consigliabile dormire a sufficienza, fare esercizio fisico moderato senza esagerare, praticare nel quotidiano tecniche di rilassamento e prendere sostanze che riducano il cortisolo sempre sotto consiglio medico”, spiega Echouffo-Tcheugui.