Le risposte emotive dello stress rovinano il cervello

Non è lo stress in sé a rovinare la salute del cervello, ma le risposte emotive che ne derivano. E’ quanto emerge da uno studio dell’Università di Stato dell’Oregon che ha analizzato quei tipici fastidi della vita di tutti i giorni, come la lunga attesa nello studio del medico o l’ingorgo sulla superstrada.

Dall’analisi è emerso che questi incidenti di percorso possono aiutare a preservare la salute del cervello degli anziani, mentre invece sono le reazioni emotive derivate a contribuire al declino cognitivo. Nella ricerca, pubblicata su Psychosomatic Medicine, sono stati coinvolti 111 persone tra i 65 e i 95 anni per un periodo di 2 anni e mezzo.

Coloro che hanno risposto ad eventi stressanti con più emozioni negative e hanno riferito un umore generalmente peggiore hanno mostrato maggiori fluttuazioni nelle loro prestazioni, il che suggerisce una peggiore salute cognitiva tra le persone più fortemente negative e reattive. Gli anziani, spiegano i ricercatori, dovrebbero dunque essere consapevoli delle loro reazioni emotive agli eventi stressanti ed esplorare tutte quelle strategie di riduzione dello stress proprio per preservare le funzioni cognitive.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie