Rifiuti: Rapporto Was, i termovalorizzatori sono necessari

Anche se l’Italia arrivasse al 65% di raccolta differenziata (l’obiettivo Ue al 2030), avrebbe comunque bisogno di nuovi termovalorizzatori al Centro e al Sud, in particolare in Sicilia. Lo sostiene il rapporto Was 2018, lo studio annuale sul settore rifiuti della società di consulenza Althesys, presentato stamani a Roma.

Il rapporto denuncia “un grave gap infrastrutturale che investe tutta la filiera del trattamento e del riciclo rifiuti” e “un quadro normativo complesso che di fatto blocca l’innovazione e la crescita dell’economia circolare”. Secondo Althesys in Italia mancano soprattutto gli impianti per trattare la frazione umida, producendo compost e biometano.

“Sviluppare la raccolta differenziata e il riciclo è basilare – spiega Alessandro Marangoni, ad di Althesys – ma serve ragionare sull’intera filiera del waste management. Raccolti materiali riciclabili e rifiuti organici servono gli impianti per trattarli e valorizzarli. Servono anche termovalorizzatori per recuperare energia dai rifiuti non recuperabili altrimenti, distribuiti in modo coerente con i fabbisogni sul territorio in modo da limitare gli impatti ambientali, sia dello smaltimento in discarica, o peggio illegale, sia del trasporto dei rifiuti su lunghe distanze. Serve, insomma, quella pianificazione strategica che è sempre mancata nel nostro Paese”. Anche perchè, nonostante le difficoltà, il settore conta oggi 11 miliardi di euro di valore delle produzioni, con un incremento del 3% delle tonnellate di rifiuti raccolte rispetto al 2016 e una percentuale di raccolta differenziata passata dal 53,4% al 56,6%. Tuttavia, a fronte del dinamismo delle maggiori aziende e dell’evoluzione verso la circular economy, l’ultimo anno ha visto un sostanziale immobilismo delle policy nazionali.

Ne servirebbero 56 se si arrivasse al 65% di differenziata e 16 se tutta l’Italia arrivasse ai livello di raccolta del Veneto (85% di differenziata).

Per quanto riguarda i termovalorizzatori, secondo il rapporto la Sicilia avrebbe bisogno di bruciare almeno 1 milione di tonnellate di rifiuti all’anno. Per dare un termine di paragone, il termovalorizzatore di Acerra, l’unico di grandi dimensioni nel Sud, ha una capacita’di 600.000 tonnellate all’anno.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie