Ecotassa, Costa: “Nessuno pagherà per ciò che ha acquistato già”

“Nessuno pagherà per ciò che ha acquistato già. Al tempo stesso è importante però tassare chi da oggi sceglie di acquistare macchine molto inquinanti”. Lo ha detto in comunicato il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa (M5S), commentando la vicenda dell’ecotassa sull’acquisto di nuovi veicoli. “Il principio europeo ‘chi inquina paga’ ha un forte valore preventivo: chi non intende allinearsi alla salvaguardia del Pianeta, deve essere sfavorito”, aggiunge Costa.

“E’ prevista l’incentivazione delle auto non inquinanti, ma nello stesso tempo non può essere penalizzato chi ha un’utilitaria. È una norma che va bilanciata e ben venga il tavolo proposto dal Ministero dello Sviluppo economico”, prosegue Costa, che sottolinea: “il nostro obiettivo è favorire chi non inquina, e di conseguenza orientare il mercato, affinché inquinare non sia più conveniente”.

Tensione nel governo sul bonus malus per le auto in base alle emissioni di Co2, inserito con un emendamento nella Manovra in commissione della Camera. Il M5s, con la sottosegretaria Castelli, insiste sulla norma che la Lega contesta. “Vogliamo mantenerla. E’ nel contratto di governo”. E, come già sottolineato da Di Maio, spiega: “Non colpisce né chi ha ha un’auto vecchia né chi acquista un’utilitaria sotto una certa cilindrata”. Mentre Salvini nel pomeriggio, ribadendo quanto detto in mattinata, annuncia: “L’ecotassa non avrà i voti della Lega”.

Incentivi per le macchine meno inquinanti – Di Maio via Facebook ha spiegato che la novità riguarda “una norma per aiutare chi decide di comprare un’auto ibrida, elettrica o a metano. Visto che i livelli di inquinamento, soprattutto al Nord, sono spaventosi, perché non premiare chi decide di comprare un’auto nuova meno inquinante, dando un incentivo fino a 6mila euro? Questa è l’idea della norma pensata dal governo, che disincentiva chi sceglie un’auto più inquinante”.

Di Maio: “Non penalizziamo nessuno” – “Capisco – ha aggiunto Di Maio – le preoccupazioni dei costruttori e dei cittadini che magari vorrebbero comprare un’auto ecologica, ma non se lo possono permettere perché costa di più. Per questo la norma va migliorata subito: per non penalizzare nessuno, in particolare chi ha bisogno di acquistare un’utilitaria. Infatti il 60% dei modelli per cui è previsto un incentivo sono diesel: Punto diesel, Panda diesel, Clio diesel, Golf diesel, Megane diesel, Polo diesel, Classe A diesel”.

Castelli: “L’ecotassa si farà, è nel contratto di governo” – Nel dibattito è intervenuto anche il sottosegretario all’Economia Laura Castelli, secondo cui “la volontà del governo è quella di tenere l’ecotassa. Sta nel contratto di governo”. La Castelli, però, ha precisato: “Le persone meno abbienti non sono colpite. C’è stato un dibattito mediatico, ma penso che la norma non sia stata letta in maniera approfondita. Non colpisce né chi ha un’auto vecchia né chi acquista un’utilitaria sotto una certa cilindrata”.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie