Ennio Fantastichini è morto a Napoli, l’attore aveva 63 anni

È morto a Napoli Ennio Fantastichini. Il popolare attore italiano, vincitore del David di Donatello come miglior attore non protagonista nel 2010, aveva 63 anni. Da tempo malato, era ricoverato nel reparto di rianimazione dell’azienda ospedaliera universitaria Federico II. È stato stroncato da una grave emorragia cerebrale conseguenza di una leucemia acuta.

Sul ricovero era stato mantenuto da allora uno stretto riserbo. L’attore era in cura presso l’equipe del professor Giuseppe Servillo che non ha mai voluto rilasciare dichiarazioni riguardo alla prognosi.

Classe 1955, a vent’anni si trasferisce da Fiuggi a Roma, per studiare recitazione all’Accademia d’arte drammatica. Aveva già però esordito a quindici anni a teatro.

L’esordio al cinema nel 1982, con Fuori dal giorno. Poi una piccola parte in I soliti ignoti, vent’anni dopo nell’85 e,.tre anni dopo, il ruolo di Enrico Fermi in I ragazzi di via Panisperna di Gianni Amelio. Con Amelio l’anno dopo i suo più grande successo, Porte aperte, al fianco di Gian Maria Volonté. Tra le altre pellicole Ferie d’agosto di Virzi.

Nel 2007 recita nel film Saturno contro con Ferzan Ozpetek, con cui torna nel 2010 per  Mine vaganti, grazie al quale vince il David di Donatello come migliore non protagonista.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie