Epidemia di morbillo, 1.200 morti in Madagascar

E’ salito a più di 1.200 morti il bilancio dell’epidemia di morbillo che dallo scorso ottobre ha colpito il Madagascar, dove sono saliti a oltre 115.000 i contagi registrati.

Si tratta del più grande focolaio nella storia del Paese, dove solo il 58% delle persone è stato vaccinato contro il virus della malattia esantematica, mentre secondo gli esperti è necessaria una copertura tra il 90% e il 95% per evitare epidemie.

Lo scorso anno il cinquantotto per cento dei residenti è stato vaccinato contro il morbillo, ma allora il programma prevedeva una sola dose. In risposta all’ultima epidemia sono state sottoposte all’immunizzazione 2,2 milioni di abitanti su una popolazione di 25,7 milioni. Le autorità malgasce hanno pianificato un programma di vaccinazioni standard di due dosi entro la fine dell’anno, cioè dovrebbe comprendere anche un richiamo perchè l’immunizzazione sia davvero efficacie.

Alla fine del mese scorso l’Oms ha avviato una vaccinazione di massa contro il morbillo con l’obiettivo di immunizzare 7,2 milioni di bambini dai 6 mesi ai 9 anni.



Altre Notizie