Integratori e supplementi a base di erbe seconda causa di danno al fegato

Gli integratori a base di erbe aumentano il rischio di danni al fegato.

“Integratori e supplementi a base di erbe sono, dopo i Fans (farmaci antinfiammatori non steroidei), la seconda causa di danno epatico. Il problema è legato alle sostanze davvero presenti in questi prodotti a base di erbe, e al dosaggio”. E’ quanto afferna all’AdnKronos Salute è Antonio Craxì, gastroenterologo dell’Università di Palermo, a margine dell’International Liver Congress in corso a Vienna.

“Si tratta di prodotti poco controllati, anche per quanto riguarda l’origine degli ingredienti. Alcuni studi hanno mostrato che possono essere presenti sostante attive non indicate in etichetta. Si pensa di prendere un prodotto naturale, senza sapere cosa si sta assumendo davvero, o sottovalutando il rischio di interazioni”, conclude.

Non è la prima volta che questi integratori naturali finiscono nel mirino dei medici. Già nel 2014 gli esperti riuniti nell’International liver congress di Londra aveva associato l’uso di queste erbe con un aumento di disturbi al fegato questo perché le erbe possono essere direttamente tossiche o esserlo per i metodi di estrazione, per i principi attivi che non sono mai puri e per i dosaggi che non sono controllati.



Altre Notizie